BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’Atalanta a Udine per ritrovare la vittoria: ma mancheranno Gomez, Ilicic e Gosens

La Dea, a secco in campionato da oltre un mese, deve riprendere confidenza coi tre punti. Ma per Gasperini sarà emergenza

Più informazioni su

Ecco di nuovo il campionato che incombe. L’Atalanta si prepara ad affrontare la trasferta di Udine con inizio del match previsto per domenica pomeriggio alle 15.

L’incontro di Champions di martedì ci consegna una squadra non ancora al meglio, seppur dal punto di vista della qualificazione agli ottavi la sconfitta dell’Ajax a Liverpool consentirà ai nerazzurri di andare ad Amsterdam e giocarsi il passaggio del turno con due risultati su tre a disposizione.

Ma la Dea non ha convinto per nulla sul piano del gioco. E si è ritrovata a faticare non poco per recuperare lo svantaggio subito. Gli attaccanti sembrano avere le polveri bagnate e la squadra che un tempo realizzava reti a grappoli pare un lontano ricordo. Molti si chiedono cosa possa aver provocato questa involuzione. Senza dubbio, i numerosi impegni del periodo possono aver inciso e non poco.

Come stanno le squadre

Venendo al match, la gara della Dacia Arena sarà tanto importante per il cammino in campionato quanto complicata. La formazione friulana si trova al 13esimo posto in classifica con 10 punti, 4 in meno della Dea, frutto di 3 vittorie, 2 pareggi e 5 sconfitte. Gli uomini di Gotti alternano prove molto convincenti, come la vittoria di Roma (sponda Lazio) dell’ultimo turno, a prestazioni opache, anche se da tre giornate consecutive infila risultati positivi (due vittorie ed un pareggio).

Inoltre, sebbene quello friulano sia il terzo peggior attacco (insieme a Parma e Fiorentina e dopo Genoa e Crotone), la situazione è nettamente migliorata rispetto alle prime giornate, visto che nei primi tre turni i bianconeri non avevano segnato neanche un gol. Il solito De Paul, Okaka e Pussetto (due reti a testa) sono i principali marcatori di questa squadra. Dal lato delle reti subite, invece, l’Udinese è a quota 12, di cui soltanto una nelle ultime tre gare. Chiaro segnale di come la squadra di Gotti abbia ritrovato compattezza e solidità.

I bergamaschi, al contrario, sono a secco in campionato da oltre un mese e devono necessariamente riprendere a vincere, altrimenti il distacco dalle prime comincerebbe a farsi decisamente preoccupante visti gli obiettivi che si è posta la squadra atalantina.

I precedenti

Sono 36 i precedenti in terra friulana in serie A tra le due squadre: 20 le vittorie friulane, 9 quelle nerazzurre e 7 pareggi. Considerando anche le gare disputate a Bergamo sono complessivamente 72 le partite con 27 vittorie dell’Udinese, 22 dell’Atalanta e 23 pareggi.

La Dea sbanca Udine da due anni consecutivi. Nello scorso campionato Zapata portò in vantaggio i nerazzurri, pareggio di Lasagna, uno/due micidiale di Muriel e rete finale ancora di Lasagna per il 2 a 3 finale. La più recente vittoria bianconera risale al torneo 2017-2018: Kurtic illuse la Dea ma poi De Paul e Barak ribaltarono il risultato per il 2 a 1 finale. Il campionato precedente fece vedere l’ultimo pareggio tra le due formazioni: vantaggio atalantino con Cristante e pareggio definitivo di Perica.

Per gli amanti delle statistiche l’Udinese è riuscita a superare l’Atalanta per tre volte con il punteggio di 3 a 0 (campionati 1956-1957, 1995-1996 e 2008-2009). Per contro la Dea in 4 occasioni ha superato gli avversari con due gol di scarto: nel 2000/2001 per 2 a 4 (doppietta di Ventola e di Morfeo), nel 2009-2010 per 1 a 3 (reti di Tiribocchi, Valdes e De Ascentis) e nel 2018-2019 sempre per 1 a 3 grazie ad una stupenda tripletta di Zapata.

Ultime dai campi

Notizie positive per mister Gasperini arrivano da Gollini, che potrebbe anche giocare, e da Malinovskyi che non è più positivo al Covid, mentre altrettanto non può dirsi per Miranchuk (colpito anche da un grave lutto familiare). Molto probabili le assenze di Lammers e Pasalic. Non convocati Gomez e Ilicic per scelta tecnica (in vista dell’Ajax o c’è dell’altro?), e Gosens risultato positivo al Coronavirus.

Curiosità ed amarcord

Entrambe le punte nerazzurre hanno vestito in passato la casacca bianconera: Duvan Zapata per 63 volte con 18 reti realizzate e Luis Muriel in 57 occasioni con 15 marcature.

Infine un amarcord. Vedi bianconero e non puoi non pensare a Arthur Antunes Coimbra detto Zico, il brasiliano che fece grande l’Udinese negli anni ’80. Una delizia degli occhi per chi, come me, ha potuto vederlo giocare.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.