"Il Covid in carcere: il nostro appello per diminuire il sovraffolamento" - BergamoNews
Carcere e territorio

“Il Covid in carcere: il nostro appello per diminuire il sovraffolamento”

L’Associazione Carcere e Territorio di Bergamo chiede ai parlamentari bergamaschi di intervenire per l'adozione di provvedimenti che contengano gli enormi rischi di contagio all’interno degli istituti carcerari, riducendo le presenze

Dall’inizio della pandemia, in Italia è in atto un’ importante iniziativa volta ad aprire una riflessione e a sottoporre concrete proposte al Parlamento ed al Governo sul tema del carcere in tempo di Covid, tanto da esserci casi di scioperi della fame da parte dei detenuti in numerosi carceri italiane.

L’appello è portato avanti anche da Roberto Saviano, di Luigi Manconi e di Sandro Veronesi, che motivano ed approfondiscono le ragioni dell’iniziativa a favore non solo dei detenuti ma anche di tutto il personale che opera in carcere.

Le proposte cercano di contenere gli enormi rischi di contagio all’interno degli istituti carcerari, riducendo le presenze. Se, infatti, in tempi normali il sovraffollamento è un problema ormai noto, al tempo del Covid diventa una situazione drammatica. 

Infatti la necessità di destinare alcune Sezioni alla gestione Covid, restringe ulteriormente gli spazi nelle celle residue determinando condizioni non rispettose della dignità umana.

Le proposte avanzate al Governo e Parlamento sono: l’innalzamento della liberazione anticipata da 45 a 75 giorni al semestre per tutti i detenuti che abbiano buona condotta e partecipazione alle attività trattamentali; il blocco dell’esecutività delle sentenze passate in giudicato, salvo motivata pericolosità sociale da parte delle Procure e l’innalzamento dai 18 ai 24 mesi al fine pena per accedere alla detenzione domiciliare.

Anche l’Associazione Carcere e Territorio di Bergamo aderisce convintamente all’appello, chiedendo ai parlamentari bergamaschi di farsi parte diligente per la loro adozione.

Infatti anche nel carcere di Bergamo, nonostante l’attenta e professionale gestione dell’emergenza da parte della Direzione, della Polizia Penitenziaria, del Servizio sanitario interno, del lavoro dei dipendenti, dei volontari e delle Istituzioni, (partendo dal Comune e dall’Ospedale ecc.) le problematiche riguardo il sovraffollamento non mancano.

“L’associazione da decenni si impegna a costruire con idee e progetti concreti una concezione della pena che declina la sua certezza con modalità più rispettose dei diritti delle persone detenute e più attente al loro reinserimento, convinti che ciò assicura anche una maggior sicurezza sociale – ha dichiarato il presidente Fausto GrittiPerciò non ha potuto sottacere che la pandemia aggrava la condizione detentiva. Per contrastarlo sono necessari non solo interventi normativi, ma anche lo sviluppo, a tutti i livelli, di forti politiche sociali specie sul tema dell’abitare e del lavoro, senza le quali resterebbero in carcere persone non per la loro posizione giuridica, ma per la loro povertà sociale”.

Perciò, facendo proprie le proposte già in atto, Carcere e Territorio vuole anche integrarle con altri provvedimenti per ridurre il sovraffollamento: innalzare il limite di pena al di sotto del quale è fatto divieto di applicare la custodia cautelare; allargare a tutte le patologie che costituiscono un rischio Covid (es. diabete patologie polmonari o cardiache) il differimento pena o la detenzione domiciliare per motivi di salute e fare opera di sensibilizzazione, anche con la Camera Penale, presso la magistratura di sorveglianza e presso il tribunale.

 

leggi anche
  • Bergamo
    Benemerenze, in lizza la prima donna medico in neurologia e la rivista del carcere
    Palafrizzoni
  • In via gleno
    Amore dietro le sbarre: lui e lei, detenuti, si sposano nel carcere di Bergamo
    matrimonio amore carcere (foto Unsplash)
  • La riflessione
    Pianeta carcere: il Coronavirus porterà indulto e amnistia?
    carcere di foto fi Larry Farr on Unsplash
  • La proposta
    “Covid e non solo, il carcere esplode: usiamo le strutture dismesse sul territorio”
    Carcere
  • La decisione del ministro
    Il carcere di Bergamo intitolato a don Fausto Resmini, il prete degli ultimi stroncato dal Coronavirus
    Generico maggio 2020
  • Bergamo
    Natale in cella, senza visite: i sogni dei detenuti e il ricordo di don Fausto
    Carcere
  • Bergamo
    Il Covid in carcere: positivi venti agenti di sorveglianza, nuovi tamponi ai detenuti
    carcere nostra
  • Covid e carcere
    Detenuti in isolamento: “Da 10 mesi i miei bambini non vedono il papà”
    Carcere
  • L'appello
    Il Covid in carcere, Segre: “Impossibile arginare il contagio. Vaccinate i detenuti”
    Segre carcere
  • I dati
    Covid in carcere, a Bergamo 25 positivi: un detenuto in ospedale
    Carcere
  • La lettera
    Gori scrive ad Arcuri: “Vaccinare con urgenza i detenuti e il personale penitenziario”
    carcere
  • La risposta
    “In carcere a Bergamo 25 contagiati? Dal ministero dati falsi, sono molti di più…”
    carcere nostra
  • L'intervento
    Gori: “Urgente il vaccino in carcere, ma Arcuri non risponde”
    Gori carcere lettera
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it