Quantcast
I genitori degli studenti: "Covid e trasporto pubblico, ci coinvolgano nelle scelte" - BergamoNews
La richiesta

I genitori degli studenti: “Covid e trasporto pubblico, ci coinvolgano nelle scelte”

Lettera ai vertici dell'istruzione bergamasca: "Abbiamo contezza delle criticità di settembre, siamo preoccupati della situazione e, quel che è peggio, poco fiduciosi"

Più coinvolgimento nelle decisioni prese in tema di trasporto pubblico scolastico. È questo, in estrema sintesi, il contenuto della lettera che Marilisa Zappella, presidente del CoorCoGe Bergamo – ovvero il Coordinamento dei Comitati e delle Associazioni dei Genitori delle Scuole Secondarie di Secondo grado della provincia – ha inoltrato ai vertici dell’istruzione bergamasca.

“Abbiamo compiuto con i Comitati/Associazioni genitori degli Istituti superiori un grande lavoro di comprensione e di raccordo sul tema-problema dei trasporti che ha visto la nostra provincia attivarsi fin da maggio – si legge -. Il modello allora pensato avrebbe potuto essere d’esempio anche in altre province, ma gli orari eccessivamente diversificati, l’assenza in molte scuole dell’integrazione tramite didattica digitale, il desiderio legittimo di avere tutti gli studenti in classe hanno prodotto anche da noi l’esito di disagi, disfunzioni e veri e propri assembramenti. Non possiamo assolutamente permetterci di ripartire il 7 gennaio senza aver tutti chiaro come farlo, nella consapevolezza forte che non possiamo permetterci di aprire e chiudere le scuole alternativamente da qui a fine anno scolastico”.

La presenza garantita dal DPCM al 75% degli studenti “può ancora essere un miraggio inapplicabile, data la capacità al 50% dei mezzi di trasporto. Che non vogliamo aumentata – prosegue la lettera -. Abbiamo visto che l’80% significa autobus carichi e senza distanziamento, il 75% sarebbe poco meno. Pur desiderando ardentemente il ritorno in classe degli studenti, la priorità è pensare a come farli tornare rimanendoci in sicurezza, prima, durante e dopo”.

Segue un appello: “Visto il grande lavoro che abbiamo affrontato e dovremo ancora affrontare nelle scuole, nei Consigli di Istituto, nei Comitati genitori, per far superare particolarismi, per far comprendere le ragioni di scelte non sempre comprese o accettate, chiediamo con forza di essere considerati parte in causa fortemente coinvolta nei processi in corso e quindi di poter partecipare agli incontri di lavoro, caldeggiando la richiesta presso la Prefettura. Abbiamo contezza delle criticità di settembre, dei motivi che le hanno prodotte, della necessità di trovare una soluzione organizzativa che sia efficace, la meno penalizzante possibile per tutti, aziende, scuole, famiglie e, ovviamente, studenti. Attendiamo cortese riscontro – conclude la lettera – perchè i genitori sono fortemente preoccupati della situazione e, quel che è peggio, poco fiduciosi”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Felli Atb
Il presidente felli
Ritorno a scuola? Atb e Teb: “Con capienza massima dei mezzi al 50% impossibile tutto in presenza”
Dati Regione
I dati di domenica 6 dicembre
Covid: a Bergamo altri 118 positivi, in Lombardia 2.413 contagi e 140 decessi
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI