Victor Massiah tra i papabili alla guida di Unicredit - BergamoNews
Si dice che...

Victor Massiah tra i papabili alla guida di Unicredit

Un ruolo di prestigio per Massiah, che conosce benissimo il mondo bancario e vanta prestigiosi appoggi nella finanza internazionale.

Per quasi 12 anni, dal 1° dicembre 2008 al luglio 2020, Victor Massiah è stato consigliere delegato di Ubi Banca. Dopo l’acquisizione di Ubi Banca da parte di Intesa Sanpaolo, il nome di Massiah, 61 anni, torna alla ribalta nel mondo bancario italiano ed entra nella rosa del possibile successore del francese Jean Pierre Mustier alla guida di Unicredit.

Un ruolo di prestigio per Massiah, che conosce benissimo il mondo bancario e vanta prestigiosi appoggi nella finanza internazionale. Vanta ottimi rapporti con l’ex Ministro del Tesoro Pier Carlo Padoan e conosce nei dettagli Monte Paschi di Siena che non ha mai voluto fondere in Ubi Banca. Ma ora, con il colosso Unicredit potrebbe essere l’uomo giusto per completare quell’operazione di salvataggio e rimettere la banca toscana nel circuito bancario senza l’appoggio del Tesoro.

IL PROFILO DI MASSIAH

Massiah, cittadino italiano, si è laureato in Economia e Commercio all’Università La Sapienza di Roma con una tesi in economia internazionale. Entra nel mondo del lavoro nel 1982 alla Andersen Consulting. Nel 1989 diventa consulente all’ufficio italiano della McKinsey & Co. Nel gennaio 1997, viene assunto dal Banco Ambrosiano Veneto dove partecipa attivamente all’espansione della banca e nel febbraio 1998 ne diventa il responsabile per tutta la direzione commerciale e quindi Vice Direttore Generale. In quell’anno si realizza l’aggregazione del Banco Ambrosiano Veneto e di Cariplo e Massiah collabora alla costituzione della nuova banca (BancaIntesa), di cui diviene nel maggio del 1999 il responsabile dell’Area Mercato. Nel gennaio 2001 viene nominato Vice Direttore Generale. Nell’agosto del 2001 viene nominato Amministratore Delegato della società Intesa Bci e.Lab, cui è affidato il compito di portare il Gruppo a livelli di eccellenza nel mondo dei servizi finanziari che utilizzano le nuove tecnologie. Nell’ottobre 2002 Massiah entra a far parte del Gruppo Banca Lombarda e Piemontese dove assume la carica di Direttore Generale ad inizio 2003. Il 1 aprile 2007 nasce UBI Banca dalla fusione di BPU – Banche Popolari Unite – e Banca Lombarda e Piemontese, nella quale ricopre il ruolo di Direttore Generale fino al 30 Novembre 2008 Dal 1° dicembre 2008 assume il ruolo di Consigliere Delegato in UBI Banca.

GLI ALTRI CANDIDATI PER UNICREDIT

Tra i più accreditati alla guida di Unicredit c’è Marco Morelli, che ha un curriculum di tutto rispetto e fino a poco tempo fa è stato proprio alla guida di quella Mps che qualcuno vorrebbe dare sposa ad Unicredit. C’è poi Flavio Valeri, ex Deutsche Bank; Roberto Nicastro, ex direttore generale e, infine, Carlo Vivaldi (già citato all’epoca dell’uscita di Ghizzoni) e del banker dal profilo internazionale Diego De Giorgi entrato in consiglio a febbraio scorso.

leggi anche
  • La novità
    Centro servizi a supporto dei medici di base: “Li aiutiamo a monitorare i pazienti Covid”
  • Per istituti tecnici
    Da Bergamo on line un corso di formazione meccatronico per docenti di tutta Italia
  • Lorenzo giusti
    Gamec museo simbolo nell’era Covid: “A vincere è il rapporto con la comunità”
  • In attesa del dpcm
    Shopping natalizio sicuro, Oriocenter: “Annunci e accessi monitorati in tempo reale”
  • La polemica
    La denuncia dei farmacisti: “Lombardia senza vaccino antinfluenzale, non faremo il servizio”
  • Venerdì sera
    Albino, 28enne arrestato: aveva 2 etti di droga nascosti in casa
  • Palazzo frizzoni
    Bergamo, sosta libera sugli stalli blu per i residenti prorogata fino al 6 gennaio 2021
  • Carabinieri e polizia
    Lotta senza sosta allo spaccio di droga: quattro arresti nelle ultime 24 ore
  • Lavoro
    ABenergie, dopo l’assunzione di 22 persone ora cerca altre 5 figure per Bergamo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it