"Lavoratori in prima linea": l'ospedale Papa Giovanni selezionato da Bloomberg 50 - BergamoNews
Bergamo

“Lavoratori in prima linea”: l’ospedale Papa Giovanni selezionato da Bloomberg 50

In virtù dell’impegno dell’ASST nella lotta al Covid-19, quando, solo nella prima fase dell’emergenza, sono stati più di 2.000 i pazienti ricoverati e il doppio quelli curati in Pronto Soccorso

C’è anche l’ASST Papa Giovanni XXIII nell’elenco annuale di innovatori, imprenditori e leader che hanno cambiato il panorama globale nel 2020, stilato come da tradizione da Bloomberg Businessweek. L’elenco completo sarà pubblicato nel prossimo numero del prestigioso settimanale americano di economia, in uscita lunedì 7 dicembre.

Bloomberg 50 non vuole essere una classifica ma una lista che riunisce i leader più influenti nel mondo degli affari, dell’intrattenimento, della finanza, della politica, della scienza e della tecnologia, i cui risultati quest’anno sono stati particolarmente degni di nota.

Il Papa Giovanni è stato incluso nella prestigiosa lista di “lavoratori in prima linea” in virtù dell’impegno dell’azienda bergamasca nella lotta al Covid-19, quando, solo nella prima fase dell’emergenza, sono stati più di 2.000 i pazienti ricoverati e il doppio quelli curati in Pronto Soccorso, arrivando ad avere, nelle settimane più difficili, 100 accessi al giorno in Pronto Soccorso e 550 malati Covid ricoverati contemporaneamente, di cui 100 in terapia intensiva.

“È un prestigioso riconoscimento per il Papa Giovanni che arriva d’oltreoceano e che raccoglie tutti gli operatori, senza distinzione, perché tutti hanno dato il massimo e un contributo decisivo alla gestione di un’emergenza senza precedenti – ha commentato Maria Beatrice Stasi, direttore generale dell’ASST Papa Giovanni XXIII -. La nostra azienda, e in particolare l’Ospedale di Bergamo, è ormai conosciuta in tutto il mondo per la risposta straordinaria data all’emergenza e riconosciuta come simbolo della lotta al Covid-19 nel mondo occidentale ed entrare in questo prestigioso elenco internazionale che ha le sue basi negli Stati Uniti ne è la dimostrazione più recente”.

Tra i nomi di prestigio inseriti nell’elenco Bloomberg 50 del 2020 ci sono personalità della cultura come la cantante Billie Eilish, vincitrice di quattro Grammy Awards ed il regista sudcoreano del film Parasite Bong Joon-Ho; professionisti del mondo della finanza come Jane Fraser, CEO di Citigroup e prima donna a capo di una delle maggiori banche statunitensi; esponenti della politica, come Abdalla Hamdok primo ministro del Sudan e forte innovatore e l’oppositrice bielorussa in esilio Sviatlana Tsikhanouskaya, leaders del mondo del settore dello spettacolo come Reed Hastings, co-CEO di Netflix; dirigenti di aziende proiettate al futuro, come Gwynnie Shotwell, presidente e COO di SpaceX, prima compagnia privata a inviare nello spazio cosmonauti americani; esperti del mondo della scienza e della tecnologia come Anthony Fauci, direttore dell’Istituto Nazionale delle allergie e delle Malattie infettive degli Stati Uniti.

Qui il fotoracconto dei profesionisti dell’ospedale Papa Giovanni

leggi anche
  • La donazione
    Colonna con tecnologia 3D per la chirurgia pediatrica dell’Ospedale Papa Giovanni
    Maurizio Cheli e Mimma Montanelli
  • Aism
    Sclerosi multipla: a Marta Radaelli, neurologa del Papa Giovanni, il Premio Levi Montalcini
    neurologa marta radaelli ok
  • Ricerca
    Covid, perché alcuni casi diventano gravi e altri no? La scoperta di Humanitas e Papa Giovanni
    Gigantografia Papa Giovanni
  • A roma
    Eroi della pandemia, primario del Papa Giovanni premiato da Mattarella
    Fabiano Di Marco
  • In fiera
    Premio qualità al Papa Giovanni di Bergamo per l’ospedale da campo
    Riaperto l'ospedale alla Fiera di Bergamo: l'arrivo dei primi pazienti Covid
  • Bergamo
    La risonanza magnetica come un viaggio spaziale per i bambini al Papa Giovanni
    risonanza bambini papa giovanni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it