Covid, la Procura al lavoro su due partite: Atalanta-Valencia e Albino-Codogno - BergamoNews
L'inchiesta

Covid, la Procura al lavoro su due partite: Atalanta-Valencia e Albino-Codogno

La Procura di Bergamo ha acquisito l'elenco dei tifosi per ricostruire chi era allo stadio, a bordo di quali mezzi sono arrivati e da dove provenivano mettendo a confronto i dati con quanti casi ci sono stati nelle località da cui venivano i tifosi.

Il fascicolo che ipotizza “epidemia colposa” aperto dalla Procura di Bergamo si arricchisce di un nuovo filone: quello delle partite. Atalanta-Valencia del 19 febbraio a San Siro al centro dell’inchiesta giornalistica di Report con un sondaggio curato da Bergamonews e InTwig e Albino-Codogno giocata sul campo seriano il 9 febbraio scorso.

L’indagine del procuratore Antonio Chiappani e dall’aggiunto Maria Cristina Rota, riguarda la mancata istituzione della zona rossa in Val Seriana e la chiusura e poi quasi immediata riapertura dell’ospedale di Alzano Lombardo. I magistrati hanno sentito nei mesi scorsi come persone informate sui fatti, tra gli altri, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il ministro Roberto Speranza, il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana.

Del match di San Siro si è ampiamente scritto e parlato. Ora si aggiunge ora la partita di eccellenza Albino-Codogno del 9 febbraio.

La Procura di Bergamo ha acquisito l’elenco dei tifosi per ricostruire chi era allo stadio, a bordo di quali mezzi sono arrivati e da dove provenivano mettendo a confronto i dati con quanti casi ci sono stati nelle località da cui venivano i tifosi. Questo per valutare l’esistenza di altri focolai oltre a quello dell’ospedale di Alzano Lombardo da dove è partito il contagio che ha registrato centinaia di morti tra febbraio e aprile scorso in Val Seriana.

Un lavoro certosino quello aperto da questo filone della Procura e che richiede la raccolta di molti dati, è fatto di verifiche e di incroci per riuscire a ricostruire i primi focolai di Covid che hanno segnato la provincia orobica nella primavera scorsa.

leggi anche
  • L'indagine
    Da Atalanta-Valencia alle seconda ondata meno incisiva: a Report l’evoluzione Covid
  • Calcio d’inizio?
    A Report i risultati dell’indagine su Atalanta-Valencia e la diffusione del Covid
  • L'inchiesta
    Atalanta-Valencia, eri allo stadio? Rispondi al sondaggio Report-InTwig-Bergamonews
  • L'indagine
    Covid, report su 32mila morti: dai sintomi al decesso passano in media 11 giorni
  • Il punto
    Ats ai sindaci: “La curva sta scendendo, Rt a Bergamo stabilmente sotto 1”
  • Bergamo
    Norme anti Covid, controllate 127mila persone da inizio pandemia: 471 sanzioni
  • La novità
    Alle Poste di Mapello debutta il nuovo sistema per gli accessi agli sportelli
  • Regione lombardia
    Ai caseifici lombardi 1,8 milioni per acquistare formaggi dop da dare a famiglie indigenti
  • Il mister
    Atalanta, Gomez e Ilicic non convocati. Gasperini: “Saranno pronti per l’Ajax”
  • I dati
    Covid, nelle ultime 24 ore sono 21.052 i nuovi contagi e 662 morti in Italia
  • Appunti & virgole
    Atalanta, sia benedetto il riposo forzato: ora basta polemiche e testa all’Ajax
  • Inchiesta covid
    Dubbi sul piano pandemico del Ministero: in procura il generale Lunelli
  • La rivelazione
    “Zona rossa in Val Seriana? Scelta politica: potevano farla Comuni, Regione e Governo”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it