BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Antinfluenzale spray per bambini: “Tempi stretti ma le dosi sono sufficienti”

Il dottor Luigi Greco, pediatra e consigliere dell’Ordine dei Medici della Provincia di Bergamo, traccia il punto della situazione sulla campagna antinfluenzale per bambini e ragazzi

“I vaccini sono arrivati tardi e i tempi per somministrarli sono stretti ma le dosi su cui possiamo contare sono sufficienti”. Così il dottor Luigi Greco, pediatra e consigliere dell’Ordine dei Medici della Provincia di Bergamo, traccia il punto della situazione sulla campagna antinfluenzale per bambini e ragazzi.

La Lombardia, prima regione in Italia, dopo Stati Uniti e Gran Bretagna, ha introdotto il vaccino contro l’influenza stagionale che si somministra come un semplice spray nasale, a due spruzzi, uno per narice, al posto della classica puntura. Abbiamo intervistato il dottor Greco per saperne di più.

Com’è cominciata questa campagna?

È iniziata con estremo ritardo, i vaccini sono arrivati settimana scorsa mentre di solito le campagne antinfluenzali finiscono in questo periodo. Il ritardo ci costringe a correre: i tempi sono stretti ma l’aspetto positivo è che quasi il 90% dei pediatri della provincia di Bergamo ha aderito alla campagna vaccinale. Per poter vaccinare tutta la platea dei vaccinabili bisogna fare sedute extra, anche organizzandosi per utilizzare sedi extra-ambulatorio per garantire il distanziamento e il rispetto delle norme di sicurezza anti-Covid.

Come funzionava gli altri anni?

Questa è la prima volta in cui viene organizzata una campagna che coinvolge ufficialmente i pediatri: vaccinavamo i bambini cronici e quelli su richiesta dei genitori. Fino allo scorso anno – e tuttora – per i piccoli fra i sei mesi e i due anni affetti da asma grave, gravemente immunodepressi o che vivono con persone gravemente immunodepresse, viene ancora praticato intramuscolare. L’utilizzo dello spray nasale, invece, è previsto dai due ai sei anni, anche se ora è stato esteso a tutta la fascia d’età pediatrica: in Europa è registrato fino ai 18 anni.

Il ritardo che si è accumulato è tanto?

È un ritardo importante. Abbiamo potuto ritirare i vaccini dal 20 novembre. Chi non si è mai vaccinato dovrebbe ricevere due dosi e l’Aifa ha dichiarato che è possibile somministrarne una sola ma ovviamente non è la soluzione ottimale. Sembrerebbe, comunque, che la seconda dosa aggiunga poco vantaggio rispetto alla prima in chi non è stato vaccinato in precedenza. Sarebbe stato meglio iniziare al campagna a ottobre in modo da concludersi tra la fine di novembre e i primi di dicembre, invece la campagna ha preso il via a fine novembre e dovremmo terminare a metà gennaio. L’ampliamento della platea dei vaccinabili, inoltre, sicuramente rende l’organizzazione più onerosa.

Le dosi stanno arrivando?

Si, avevamo il timore che fossero eccessivamente razionate e invece ci sono e la deadline della campagna è prevista il 31 gennaio.

Il picco dell’influenza solitamente arriva a fine dicembre, giusto?

Si, ma il freddo di questi giorni non aiuta. Novembre è stato piuttosto mite e speravamo che il virus si attivasse con ritardo ma se comincia la circolazione nella popolazione infantile la possibilità che si diffonda è elevata. I primi ad ammalarsi, infatti, generalmente sono i più piccoli: l’uso delle mascherine, la sanificazione delle mani e il distanziamento, però, potrebbero essere dei deterrenti.

La vaccinazione non è obbligatoria ma consigliata: perchè è importante farla ai bambini?

I bambini – soprattutto quelli piccoli – hanno effetti sgradevoli e complicazioni da influenza addirittura superiori agli ultrassessantacinquenni. E negli anni scorsi come pediatri ci siamo sempre chiesti come mai non si procedesse alla vaccinazione soprattutto tra i sei mesi e i sei anni: dal punto di vista scientifico non c’è risposta, probabilmente si trattava di una questione economica perchè tutti i dati sono a favore della vaccinazione.

Dove è possibile vaccinare i bambini?

Dal proprio pediatra che in base a come si è organizzato le esegue nel suo studio, in altri spazi messi a disposizione dal Comune e dell’Ats oppure nei centri vaccinali.

I bambini cronici possono essere vaccinati con spray nasale?

Si, purchè non siano gravemente immunodepressi, non abbiano avuto un broncospasmo nelle 48/72 ore precedenti, non abbiano avuto attacchi d’asma tali da richiedere ricovero in terapia intensiva e non siano gravemente allergici all’uovo, alla gentalmicina o alla gelatina che sono eccipienti del vaccino. In questi casi c’è bisogno della vaccinazione intramuscolare. La stessa considerazione vale per i bambini sani che vivono con una persona trapiantata o reduce da un tumore e sta svolgendo terapia immunosoppressiva.

Per concludere, il vaccino antinfluenzale può aiutare nella gestione dell’emergenza Covid?

L’antinfluenzale svolge la funzione per cui è stato ideato: protegge dal virus dell’influenza, il patogeno prevalente durante l’inverno. Ci si ammala meno per uno dei virus che è in grado di allettare milioni di italiani, quindi alleggerisce la pressione sul sistema sanitario.

 

Foto tratta da Regione Lombardia – Lombardia Notizie

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.