BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La denuncia dei farmacisti: “Lombardia senza vaccino antinfluenzale, non faremo il servizio”

Il presidente di Federfarma Bergamo, Giovanni Petrosillo: "Farmacie bergamasche senza colpe per questa situazione"

Riceviamo e pubblichiamo la denuncia di Federfarma Bergamo, che, per mano del suo presidente Giovanni Petrosillo, annuncia che in Lombardia non ci saranno vaccini antinfluenzali per tutti: “La Regione – spiega Petrosillo nel comunicato stampa – ha purtroppo comunicato di non essere stata in grado di reperire le dosi da far distribuire dalle farmacie alla popolazione attiva, sicché nelle farmacie bergamasche, e in quella dell’intera Regione, non sarà disponibile nemmeno una dose di vaccino antinfluenzale, per tutta la campagna vaccinale”.

Dopo diversi confronti con Federfarma, Regione Lombardia ha comunicato in queste ore che non potrà fornire vaccini antinfluenzali alle farmacie convenzionate per poterli dispensare alla popolazione attiva.
È utile ricordare che il 4 giugno 2020 il Ministero della Salute ha impartito una serie di raccomandazioni destinate alle Regioni per la gestione della campagna 2020-2021 contro l’influenza, ribadendo l’importanza di giungere alla massima copertura delle fasce di popolazione più a rischio, in previsione della possibile co-circolazione di virus antiinfluenzali e di SARS-CoV-2.
Federfarma Nazionale, già a fine agosto, ha espresso il timore di non poter disporre invece delle dosi di vaccino antinfluenzale per le persone non rientranti nelle fasce che ricevono il vaccino gratuitamente; per il 2020 questo fabbisogno è stato stimato in circa 1,2 milioni di dosi.
Motivo della preoccupazione era l’assorbimento totale della produzione industriale, tramite gare avviate, a volte in ritardo, da parte delle Regioni.
Il 12 settembre il Ministero della Salute, condividendo le preoccupazioni di Federfarma, ha inviato la richiesta alla Conferenza delle Regioni di rimodulare i loro acquisti, in modo da rendere disponibile alle farmacie la quantità di dosi vaccinali necessarie.
La Conferenza Stato-Regioni, lo scorso 14 settembre ha accolto l’invito del Ministero raccomandando ad ogni singola regione di distribuire una quota di vaccini anti-influenzali, disponibile, attraverso il sistema territoriale delle farmacie; l’indicazione si riferiva ad una percentuale minima, l’1,5 per cento delle dosi acquistate, eventualmente incrementabile dalle singole Regioni.
Venendo ad oggi, Regione Lombardia ha purtroppo comunicato di non essere stata in grado di reperire le dosi da far distribuire dalle farmacie alla popolazione attiva, sicché nelle farmacie bergamasche, e in quella dell’intera Regione, non sarà disponibile nemmeno una dose di vaccino antinfluenzale, per tutta la campagna vaccinale.
In conclusione, le farmacie bergamasche sono senza colpe. messe in condizioni di non poter effettuare il servizio di dispensazione del vaccino, diversamente dagli anni precedenti.
Restano impegnate ad assicurare ogni forma di assistenza possibile, in questo difficile momento, come già dimostrato nelle dolenti difficoltà della scorsa primavera.

Federfarma Bergamo
Il presidente, dottor Giovanni Petrosillo

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.