Quantcast
"Riapertura impianti sci? Non necessaria, in montagna si va anche per altro" - BergamoNews
Il commento

“Riapertura impianti sci? Non necessaria, in montagna si va anche per altro”

Il coordinamento informale delle associazioni ambientaliste: "Meglio focalizzare le risorse sugli ambiti più innovativi e più in linea con i trend attuali"

Orobievive, coordinamento informale delle associazioni ambientaliste della provincia di Bergamo, interviene su uno dei temi che in questi giorni tocca da vicino anche la nostra zona, ossia quello della riapertura degli impianti sciistici.

Spettabile redazione,

Leggiamo delle richieste dei gestori degli impianti sciistici che chiedono di poter aprire, sostenendo che senza la riapertura la montagna soffrirebbe.

Crediamo tuttavia che la riapertura degli impianti sia tutt’altro che necessaria: quest’estate la montagna ha visto un’ottima stagione, come non ne vedeva da tempo e, ovviamente, non certo per merito degli impianti sciistici.

Dunque le persone vanno in montagna anche senza impianti, a fare altro che non sia lo sci di discesa.

Crediamo che voler eguagliare montagna e sci sia a dir poco arrogante: da tempo si vede come i nuovi trend siano bob, ciaspole, escursionismo, wellness, agriturismo, B&B, ristorazione di alta qualità, mentre lo sci da discesa è da anni in continua riduzione.

Nessuno di questi dipende dalla pratica dello sci di discesa. Ricordiamo anche come all’inizio della pandemia vi sia stata molta preoccupazione per gli assembramenti che si erano creati nelle stazioni sciistiche e come le foto circolate sui social e gli articoli apparsi su questo giornale abbiano mostrato i rischi che si erano creati presso gli impianti, nonostante le raccomandazioni di distanziamento fossero già state emesse. Questo ci porta a guardare con grande cautela l’ipotesi di riaperture degli impianti.

Pensiamo poi che la richiesta di ristori non sia condivisibile: nella maggior parte dei casi e degli anni, questi impianti hanno operato in perdita, e già in passato hanno avuto bisogno di supporto pubblico.

Riteniamo che tenere in vita artificialmente attività che sono in perdita strutturale e non più coerenti con l’andamento climatico degli ultimi anni sia controproducente, e che si debba invece facilitare la transizione verso attività ambientalmente più compatibili, a maggior valore aggiunto e con migliori prospettive occupazionali.

Crediamo, quindi, che si debbano focalizzare le risorse sugli ambiti più innovativi e più in linea con i trend attuali, piuttosto che basare la ripartizione delle risorse sulla maggiore o minore capacità di fare lobby.

Le risorse, sia quelle naturali che quelle economiche, non sono infinite e più debito faremo, senza che questo possa offrire ritorni futuri, più lasceremo un fardello oneroso ai giovani e alle prossime generazioni.

Firmato Danilo Donadoni, Orobievive”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Pexels Sci
La mozione
Il Consiglio regionale chiede impegno per l’apertura in sicurezza degli impianti sciistici
Seggiovia Carisole-Conca Nevosa
Val brembo
Val Carisole, impianti affidati alla Monte Poieto
Pexels Sci
Il comprensorio
Foppolo, gestione degli impianti (con riserva) al consorzio Piazzatorre-Belmont
Foppolo con la neve
La decisione
Gli impianti sciistici riaprono il 18 gennaio: Regione soddisfatta
Torna la neve al Passo della Presolana
Ascom bergamo
Slitta la riapertura degli impianti sciistici, Fusini: “Danno economico enorme”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI