BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Locatelli: “Il Covid rallenta ma attenzione a Natale, anche alle messe”

"Speriamo che sia il primo e anche l'ultimo di questo tipo, grazie all'arrivo dei vaccini"

Più informazioni su

“Abbiamo ancora un’incidenza elevata, 321 casi per 100mila abitanti nel lasso di tempo dei 7 giorni” ha detto il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro nella conferenza stampa al Ministero della Salute, sabato mattina, commentando i dati in Italia tra il 16 e il 22 novembre. Ma ci sono Regioni che superano i 700 casi e altre che riescono a mantenersi a due cifre: la situazione è molto variegata lungo la penisola. Nel complesso, “dieci restano ancora a rischio alto. Nove in particolare sono a rischio alto da più di tre settimane e il loro sforzo sanitario rischia di essere troppo pesante”.

“La curva va verso l’appiattimento anche per quanto riguarda l’occupazione dei posti letto in area medica” ha detto Brusaferro. “All’inizio l’inversione di tendenza si osserva con l’Rt che si abbassa, poi iniziano a scendere i sintomatici e i posti letto occupati negli ospedali, solo in ultima battuta diminuisce anche il numero delle vittime, che purtroppo è attualmente ancora elevato”.

La velocità di trasmissione sta già rallentando e l’Rt ha iniziato a scendere già da qualche giorno. “Sta avvenendo un po’ in tutto il paese, in maniera significativa, grazie alle misure di prevenzione e all’impianto di monitoraggio” ha spiegato Brusaferro. “Ma non dobbiamo abbassare la guardia perché la curva è ancora molto alta, il numero di casi quotidiani resta significativo e l’impegno delle strutture sanitarie intenso. Evitare gli assembramenti, restare a distanza e usare le mascherine devono restare dei mantra per far decrescere la curva. Bisogna inoltre rispettare quarantena e isolamento, per i positivi e i loro contatti”.

In vista del Natale, per il presidente dell’Iss, “le prossime settimane saranno critiche. Se non rispetteremo le regole, le curve ripartiranno. Questo dovrà essere per noi un Natale unico. Con questi numeri non possiamo immaginare spostamenti di massa o raduni di persone che provengono da contesti diversi, portatori di rischi di contagio”.

Speriamo, ha aggiunto il presidente del Consiglio superiore di sanità Franco Locatelli, “che sia il primo e anche l’ultimo, di questo tipo, grazie all’arrivo dei vaccini. Dovremmo essere capaci di contemperare rigore e affetti”.

Niente assembramenti nelle piazze e nelle strade per le feste, ha ribadito Locatelli. “Anche se da tre settimane assistiamo a una decelerazione dell’epidemia, e quest’ultima settimana ha fatto registrare una decelerazione più marcata, ma la situazione non è compatibile con la riapertura degli impianti sciistici. Auspichiamo che l’Europa adotti una voce unica e che la Svizzera non voglia diversificare la sua posizione”. Anche le messe “dovranno essere rese compatibili con le misure già adottate con la Cei. Non possiamo permetterci una nuova generazione di focolai con le feste”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Francesco Giuseppe

    Quindi andare alla Santa Messa a Natale è più pericoloso di andare a Mesa le altre Domeniche, secondo questo genio!
    Non sanno più cosa dire ed inventare per rendere difficile la vita Cristiana. Italia stato anti cristiani.