Economista e docente di fama internazionale, addio al professor Tancredi Bianchi - BergamoNews
Aveva 92 anni

Economista e docente di fama internazionale, addio al professor Tancredi Bianchi

Era nato a Caravaggio il 12 giugno 1928

Si è spento all’età di 92 anni il professor Tancredi Bianchi. Economista e docente di fama internazionale, era nato a Caravaggio il 12 giugno 1928.

Laureato alla Bocconi di Milano, nel 1959 ha conseguito la libera docenza in tecnica bancaria e professionale. Nel 1964 ha vinto la cattedra nella medesima disciplina.

Ha insegnato nelle Università: Ca’ Foscari di Venezia dal 1959 al 1968, La Sapienza di Roma dal 1968 al 1979, Bocconi di Milano dal 1979.

E’ autore di numerose monografie e collabora con articoli alle principali riviste scientifiche di economia aziendale e di economia degli intermediari finanziari, ed è direttore della rivista Banche e Banchieri.

All’attività accademica ha unito un intenso impegno nelle amministrazioni di istituti bancari e di società di primo rilievo: dal 1982 al 2003 è stato presidente dellAssociazione delle Banche Private Italiane, dal 1991 al 1998 è stato presidente dell’Associazione Bancaria Italiana e dal 1999 presidente onorario di ambedue le associazioni.

Più informazioni
leggi anche
  • Il cordoglio
    Zanetti ricorda Tancredi Bianchi: “Grande divulgatore, un maestro di vita”
    Generico novembre 2020
  • Il ricordo
    “L’amarezza di Bianchi nel vedere le banche fare finanza e non sostegno all’impresa”
    Generico novembre 2020
  • Il ricordo
    Gusmini: “Tancredi, il ragazzo di Caravaggio che insegnò a fare la banca”
    Generico novembre 2020
  • Il lutto
    Covid, se ne va a 58 anni Felice Ferri: fondò le Bna e guidò gli Arpioni
    Felice Ferri
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it