Fontana annuncia: "Lombardia arancione da domenica, ma non è un liberi tutti" - BergamoNews
La decisione

Fontana annuncia: “Lombardia arancione da domenica, ma non è un liberi tutti”

"Grazie ai lombardi che hanno rispettato le regole, ma non dobbiamo abbassare la guardia: il virus c'è ancora ed è pericoloso".

“La Lombardia zona arancione viene dichiarata oggi, sabato l’ordinanza sarà in gazzetta ufficiale e per questioni tecnico-burocratiche entrerà in vigore da domenica”: questo l’annuncio del presidente della Regione Attilio Fontana che alle 18 di venerdì ha convocato un punto stampa per aggiornare i cittadini sulle decisioni prese in queste ore.

“Non dobbiamo abbassare la guardia, il virus c’è ancora ed è pericoloso. Non è un liberi tutti. Dobbiamo ribadire e insistere sui comportamenti che devono essere mantenuti: distanziamento, mascherina, lavaggio delle mani. La notizia è molto positiva e dobbiamo consolidarla. Prima di tutto dobbiamo dire grazie ai lombardi, se abbiamo ottenuto tutto ciò è merito del rispetto delle norme in queste settimane”.

Infine le novità da domenica: “Cambia che i negozi verranno riaperti, la scuola media si svolgerà in presenza e all’interno dei comuni si potrà circolare senza l’autocertificazione”.

leggi anche
  • I dati di oggi
    Covid, nelle ultime 24 ore sono 178 nuovi contagiati a Bergamo: 5.389 in Lombardia
    i dati covid 27 novembre
  • Nell'incontro coi sindaci
    Ats: “Casi positivi in diminuzione, ospedali iniziano a pensare di ridurre i letti Covid”
    Coronavirus Areu
  • Commercio
    Lombardia zona arancione? “Nel weekend a Bergamo ci sono in gioco 23,6 milioni”
    regali di natale Photo by Hert Niks on Unsplash
  • La scheda
    Bergamo e Lombardia zona arancione: cosa cambia rispetto a quella rossa
    Bergamo, primo giorno del nuovo lockdown
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it