Azzolina: "Le scuole di Bergamo simbolo per tutta Italia" - BergamoNews
Agli stati generali

Azzolina: “Le scuole di Bergamo simbolo per tutta Italia”

La Ministra all'Istruzione ha presenziato a distanza agli Stati generali della scuola digitale che si sono tenuti a Bergamo

Gli Stati Generali della Scuola Digitale sono giunti alla loro quinta edizione e si sono svolti nella giornata di venerdì  il 27 novembre dalla Biblioteca Civica Angelo Mai di Bergamo in diretta streaming nazionale.

Un programma ricco di interventi istituzionali, attraverso comunicazioni da parte di esperti del mondo della scuola, dell’Università, della pedagogia, delle neuroscienze, del lavoro, dell’economia, del mondo imprenditoriale e, in generale, della cultura e dell’innovazione tecnologica.

Anche quest’anno si sono tenuti a Bergamo: la nostra città martoriata dalla terribile emergenza del Covid19, una città che ha vissuto un dramma senza precedenti a causa delle vite che il virus ha portato via ma anche di quelle che ha trasformato in modo irreversibile, verso lo sconforto e la povertà.

Tuttavia, il Covid19 rappresenta anche una crisi da cui si può ripartire per una ricostruzione.

Ed è proprio quello che la Ministra all’istruzione Lucia Azzolina, ospite molto speciale dell’incontro, ha voluto sottolineare nel corso del suo intervento a distanza, alla presenza dell’assessora all’istruzione Loredana Poli, la dirigente dell’ufficio scolastico territoriale Patrizia Graziani e il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori.

“La vostra città è stata un esempio per tutta Italia, grazie alla vostra incredibile resilienza”, ha dichiarato la Ministra Azzolina, ricordando anche la visita effettuata proprio a Bergamo, all’Istituto Quarenghi in occasione della riapertura delle scuole per gli esami di Stato.

Voi e le vostre scuole, abitate da persone eccezionali che ho avuto la fortuna di conoscere: siete un esempio per tutti noi. Voi, i più colpiti dalla tragedia della pandemia, avete donato ai vostri studenti un rifugio e un modo per andare avanti grazie alla scuola e alla didattica a distanza. Lo sappiamo, non è ancora perfetta, ma è stato l’unico strumento che avevamo in un momento difficilissimo per non lasciare soli i nostri ragazzi. Grazie per non aver mollato e per aver costruito delle opportunità dalla crisi. Ora continuiamo, tutti insieme, e facciamo nascere dall’emergenza una scuola migliore“, ha affermato Azzolina, elogiando il connubio tra il passato rappresentato dalla biblioteca Maj dove si è svolto il convegno e il futuro trattato nei numerosi panel dedicati alla scuola digitale.

leggi anche
  • Il 27 novembre
    A Bergamo tornano gli Stati generali della Scuola digitale, con Azzolina e Boeri
    scuola digitale
  • La lettera
    “Ministra Azzolina, la didattica a distanza è frustrante: faccia tornare i ragazzi a scuola”
    Scuola a distanza
  • L'attacco
    Lega, i parlamentari bergamaschi: “Azzolina bocciata sulla scuola”
    Azzolina bocciata
  • Il messaggio
    Scuola, lettera della ministra Azzolina: “So che c’è preoccupazione, ma siamo pronti”
    scuola covid
  • La testimonianza
    “Il ministro Azzolina al Quarenghi, un gesto di vicinanza di cui avevamo bisogno”
    La ministra Azzolina a Bergamo
  • I dati di oggi
    Covid, nelle ultime 24 ore sono 178 nuovi contagiati a Bergamo: 5.389 in Lombardia
    i dati covid 27 novembre
  • Istruzione
    Zona arancione, e sui banchi tornano gli studenti di seconda e terza media
    Scuola (foto di Taylor Wilcox per Unsplash)
  • Contatto costante
    L’Ats e le scuole: come comunicano in vista della riapertura il 7 gennaio
    Scuola mascherine studenti (foto Pixabay)
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it