BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

I costruttori bergamaschi presentano le novità in materia di opere pubbliche

Al webinar l’esperto Arturo Cancrini, Studio Legale Cancrini & Partners. Continua il percorso di confronto e formazione di Ance Bergamo dedicato a imprese e pubblica amministrazione

La nuova iniziativa di Ance Bergamo, in collaborazione con Ance Lombardia, è prevista per giovedì 26 novembre con inizio alle 15 (informazioni e iscrizioni su www.ancebergamo.it).

Al webinar, dedicato alle imprese e ai tecnici degli enti locali, parteciperà l’avvocato Arturo Cancrini, uno dei massimi esperti in materia di contrattualistica pubblica, che illustrerà le novità in materia di lavori pubblici, con approfondimenti sul tema del Collegio consultivo tecnico e sul nuovo Regolamento generale.

Continua il percorso di confronto e formazione – per le imprese associate e le pubbliche amministrazioni – che ha preso il via un anno fa con l’evento “Sblocca cantieri” alla presenza del ministro alle Infrastrutture Paola De Micheli.

A livello nazionale, al netto dei grandi interventi, il valore degli importi banditi per i lavori pubblici ad ottobre 2020, rispetto allo stesso mese del 2019, è solo di poco positivo (+1%).

Secondo i dati Ance la situazione per le gare sotto i 5mln di euro non è rosea: si registra una flessione del 20,9% nel numero di quelle pubblicate e del 13,2% in valore rispetto ad ottobre 2019. Mentre per le procedure sopra soglia i risultati sono, rispettivamente, +69,2% e +174,8%. Anche considerando la fascia 5-100 mln (depurando quindi il sopra soglia degli appalti più grandi), la crescita in valore è sempre consistente e pari al +45%.

La Lombardia e la Bergamasca vanno comunque meglio rispetto al resto d’Italia. Punto di forza è rappresentato sicuramente dagli investimenti sul territorio, come il Piano Lombardia con cui la Regione ha messo a disposizione 3,5 miliardi per opere pubbliche e, più vicino a noi, gli interventi di Uniacque, che nel corso degli ultimi anni ha investito sempre più risorse sia per la manutenzione ordinaria e straordinaria delle reti che per gli investimenti infrastrutturali con un importo complessivo nel periodo 2014-2019 di oltre 140 milioni di euro.

“Un esempio virtuoso – sottolinea Vanessa Pesenti, presidente di Ance Bergamo che si sta rivelando fondamentale per sostenere non solo il nostro settore, ma più in generale lo sviluppo del territorio. Dobbiamo poter contare su un piano di manutenzione e potenziamento delle infrastrutture, sia ferroviarie che stradali, con finanziamenti certi e un cronoprogramma definito e vincolante. Un programma di interventi diffusi, orientati alla sostenibilità e resi concreti grazie a meccanismi strutturali di accelerazione della spesa, che rafforzano la capacità amministrativa e tagliano i tempi morti della burocrazia”.

A proposito di burocrazia in media oggi si impiegano più di 5 anni per aprire un cantiere di un’opera da 5 milioni e circa 3 anni per un’opera da 200.000 euro.

Alla luce degli ultimi provvedimenti, alle “normali” difficoltà della burocrazia, adesso si aggiunge la preoccupazione delle imprese per il ritorno importante allo smart working nella pubblica amministrazione che, nonostante la competenza e la professionalità dei funzionari pubblici, qualche problema lo ha inevitabilmente portato – aumentando le tempistiche – anche solo in riferimento alle difficoltà nel contattare gli uffici di riferimento.

“Dobbiamo adeguare subito gli uffici pubblici alle nuove esigenze – è l’appello di Vanessa Pesenti -, completando il processo di digitalizzazione, con un percorso di formazione adeguato e una gestione coordinata”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.