Covid, allo studio il "passaporto sanitario" digitale per viaggiare sicuri - BergamoNews
La novità

Covid, allo studio il “passaporto sanitario” digitale per viaggiare sicuri

Iata Travel Pass è un pass sanitario digitale per sbloccare le frontiere e abolire la regola della quarantena obbligatoria. Il sistema sarà sperimentato entro la fine dell'anno e, in caso di successo, verrà lanciato nel primo trimestre del 2021.

Per la riapertura sicura delle frontiere Iata (International Air Transport Association è un’organizzazione internazionale di compagnie aeree) e Iag, due organizzazioni alle quali partecipano le compagnie di bandiera British Airways e Iberia, stanno studiando un sistema di passaporti sanitari digitali.

Il sistema sarà sperimentato entro la fine dell’anno e, in caso di successo, verrà lanciato nel primo trimestre del 2021. Lo riporta il sito businesstravelnewseurope.com.

Si tratta di una app che fornirà ai passeggeri le informazioni utili sulle restrizioni all’ingresso imposte dal paese di destinazione, la lista dei laboratori accreditati dove fare i tamponi nel paese di partenza, e dalla quale soprattutto saranno visibili alle autorità portuali (tramite Qr Code) tutte le loro informazioni sanitarie, ovvero il risultato di test recenti al Covid-19 e, quando sarà disponibile, di inoculazione del vaccino.

Saranno gli stessi laboratori a caricare queste informazioni, dando così prova della veridicità dei risultati.

La stessa app conterrà poi tutti i documenti di viaggio, cioè i biglietti aerei e una copia elettronica del passaporto (che è collegato alla app anche per verificare l’identità del suo proprietario), così da velocizzare anche le procedure di imbarco e ridurre al minimo i contatti.

“Oggi i confini sono bloccati – afferma Alexandre de Juniac, direttore generale e Ceo di Iata -. I test sono il primo passo per consentire i viaggi internazionali senza misure di quarantena. La seconda tappa è l’infrastruttura informativa globale necessaria per gestire, condividere e verificare in modo sicuro i dati dei test abbinati alle identità dei viaggiatori in conformità con i requisiti di controllo delle frontiere. Questo è il lavoro di Iata Travel Pass. Lo porteremo sul mercato nei prossimi mesi per soddisfare anche le esigenze delle varie bolle di viaggio e dei corridoi di salute pubblica che stanno entrando in funzione”.

“La nostra priorità principale è far viaggiare di nuovo le persone in sicurezza – dichiara Nick Careen, vicepresidente senior della Iata -. Nell’immediato ciò significa dare ai governi la fiducia che i test sistematici del Covid-19 possono funzionare in sostituzione dei requisiti di quarantena. E questo finirà per trasformarsi in un programma di vaccinazione per tutti”.

leggi anche
  • Bergamo
    Commercio al tempo del Covid: “Non solo piattaforme, ma servizio e attenzione all’ambiente”
  • L'intervista
    Covid, Marinoni: “Non ci sono cure antivirali, a casa si possono trattare i sintomi”
  • Il patrimonio unesco
    Crespi, che fine ha fatto il progetto? Il M5s chiede informazioni alla Regione
  • Il comune informa
    Osio Sotto verso il nuovo parco di via Vespucci: un polo verde per tutte le età
  • I dati di giovedì 26 novembre
    Covid: altri 208 contagi a Bergamo e 5.697 in Lombardia, 207 decessi
  • Vota
    Passaporto vaccinale: l’UE lo vuole, il garante della privacy dice No. E tu?
  • Vota
    https://www.bergamonews.it/2021/03/01/passaporto-vaccinale-lue-lo-vuole-il-garante-della-privacy-dice-no-e-tu/424120/
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it