BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

ABB e Nüvü forniranno fotocamere per la ricerca di esopianeti alla Nasa

Le apparecchiature ottiche ABB già presenti nello spazio hanno accumulato più di 90 anni di funzionamento affidabile.

Un contratto di due anni assegnato ad ABB dal Jet Propulsion Laboratory della Nasa vedrà la tecnologia chiave di ABB/Nüvü Camēras volare a bordo del telescopio spaziale nel 2025, in rotta per catturare le prime immagini spaziali di pianeti al di fuori del nostro sistema solare.

Il Nancy Grace Roman Space Telescope, il futuro osservatorio spaziale della Nasa, dovrebbe essere lanciato nel 2025 alla ricerca di altri mondi simili alla Terra. È dotato di due strumenti: un sistema per studiare il mistero della distribuzione di energia oscura nel cosmo e la prima fotocamera dedicata a scattare immagini di esopianeti nello spazio, il CGI (CoronaGraph Imager). All’interno del CGI ci saranno due fotocamere ad alta sensibilità con core elettronici sviluppate da ABB in collaborazione con Nüvü.

I sistemi planetari extrasolari sono estremamente difficili da osservare da grandi distanze poiché i pianeti sono molto meno luminosi della loro stella e sono separati tra loro da distanze minime. La complessa disposizione dei componenti ottici del CGI della NASA riesce a bloccare la luce delle stelle e ad inviare la luce residua del pianeta vicino a una fotocamera ad alta sensibilità. È qui che entra in gioco l’esclusiva soluzione di imaging di ABB/Nüvü per rivelare l’insolito puntino che prima era invisibile.

“La missione Roman è un progetto da 3,2 miliardi di dollari che dovrebbe riuscire ad essere da 100 a 1000 volte più potente nel catturare immagini di esopianeti rispetto a quanto si ottiene oggi. Siamo molto orgogliosi di fornire un componente così critico a questa missione rivoluzionaria. Si tratta di un progetto entusiasmante che richiederà la nostra esperienza tecnologica più avanzata per avere successo”, ha dichiarato Marc Corriveau, General Manager della divisione Measurement & Analytics di ABB in Canada.

“Siamo grati al Programma di Sviluppo della Tecnologia Spaziale dell’Agenzia Spaziale Canadese (CSA) che ha permesso di portare questa rivoluzionaria tecnologia fotografica ad un livello di maturità sufficiente per essere presa in considerazione dal Jet Propulsion Laboratory della NASA”, ha affermato Olivier Daigle, Chief Technology Officer di Nüvü Camēras.

Il contratto ottenuto da ABB segue una recente aggiudicazione da parte di GHGSAT, un operatore privato di costellazioni satellitari, per la fornitura di sensori ottici aggiuntivi in grado di acquisire in alta definizione le perdite di metano sul terreno.

Le apparecchiature ottiche ABB già presenti nello spazio hanno accumulato più di 90 anni di funzionamento affidabile.

Dal 2003, il sensore SCISAT rileva i cambiamenti di composizione a lungo termine nell’atmosfera terrestre di oltre 60 molecole e inquinanti, fino a parti per trilione. Le agenzie meteorologiche di tutto il mondo basano le loro previsioni sulla tecnologia ABB al centro dell’ultima generazione di satelliti polari della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), che salva vite umane migliorando la tempestività e l’accuratezza delle previsioni meteorologiche fino a sette giorni. I sensori ABB si trovano anche a bordo dei satelliti giapponesi GOSAT 1 e 2 per il monitoraggio ad alta precisione del costante aumento di gas serra in tutto il mondo.

LE DUE SOCIETA’

ABB (ABBN: SIX Swiss Ex) è un’azienda tecnologica leader a livello mondiale che stimola la trasformazione della società e dell’industria per ottenere un futuro più produttivo e sostenibile. Collegando il software al suo portafoglio di elettrificazione, robotica, automazione e movimento, ABB spinge i confini della tecnologia per portare le prestazioni a nuovi livelli. Con una storia di eccellenza che risale a più di 130 anni fa, il successo di ABB è guidato da circa 110.000 dipendenti di talento in oltre 100 paesi.

Nüvü Camēras è leader mondiale nelle soluzioni di imaging ultra sensibile dal 2010. La società canadese progetta e produce telecamere e controller per mercati quali l’esplorazione e la sorveglianza dello spazio, il controllo della qualità industriale, la fisica e la diagnostica delle scienze della vita. www.nuvucameras.com

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.