Violenza di genere: il video e la storia del Comitato pari opportunità degli avvocati - BergamoNews
Bergamo

Violenza di genere: il video e la storia del Comitato pari opportunità degli avvocati

Il video partecipa, quale contributo del Foro bergamasco, alla maratona organizzata sul proprio canale YouTube dal Consiglio Nazionale Forense nel corso di una staffetta che coinvolgerà tutti gli ordini nazionali

Per sensibilizzare e degnamente celebrare la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza di genere, che ricorre oggi, 25 novembre, il Comitato Pari Opportunità presso l’Ordine degli Avvocati Bergamo ha raccolto e rielaborato storie vere di episodi di violenza domestica, così come i medesimi sono stati raccontati nel corso di procedimenti giudiziari dai familiari delle vittime di violenza.

Una componente del Comitato, Laura Gargano, si è prestata a dar loro volto e voce.

Il video parteciperà, quale contributo del Foro bergamasco, alla maratona organizzata sul proprio canale YouTube dal Consiglio Nazionale Forense nel corso di una staffetta che coinvolgerà tutti gli ordini nazionali nella giornata di mercoledì. Dar voce a chi teme di non aver voce è fondamentale. Ricordiamocelo tutte e tutti.

leggi anche
  • 8 marzo
    Video sulle donne e per le donne dal Comitato pari opportunità degli avvocati
    donne parità meritocrazia
  • La solidarietà
    Gli avvocati bergamaschi al fianco della collega turca morta per protesta contro processi ingiusti
    ebru timtik
  • Gallone e carretta
    Sdegno bipartisan sul “tutorial” per la spesa sexy in Rai
    Detto Fatto tutorial sexy
  • La svolta
    Uomini che picchiano le donne: per loro c’è un percorso, ora riconosciuto dalla Questura
    violenza di genere
  • 8 marzo
    “Aspetti il prossimo?”: il cortometraggio sulle discriminazioni di genere
    violenza di genere
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it