Covid, Ascom e Confesercenti scrivono a Fontana: "Bergamo sia area gialla" - BergamoNews
Lettera aperta

Covid, Ascom e Confesercenti scrivono a Fontana: “Bergamo sia area gialla”

Lettera aperta ad Attilio Fontana, anche alla luce della ricerca realizzata dall’Università degli Studi di Bergamo, presentata in Provincia.

Ascom Confcommercio Bergamo e Confesercenti Bergamo hanno scritto nella mattina di mercoledì 25 novembre al Presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, chiedendo di farsi promotore con il Ministro della Salute Roberto Speranza per l’assegnazione al territorio di Bergamo dell’”Area gialla”.

I due presidenti, Giovanni Zambonelli per Ascom e Antonio Terzi per Confesercenti, scrivono: “Sono passate tre settimane dalla nostra precedente missiva nella quale le scriventi Associazioni Le chiedevano di farsi promotore con il Ministro della Salute Roberto Speranza per l’assegnazione al territorio di Bergamo dell’area “gialla”, che consentirebbe l’apertura delle attività del commercio e della ristorazione nel rispetto della legge. Queste tre settimane sono state terribili per le ripercussioni economiche sulle imprese del terziario bergamasco, già provate da mesi di difficoltà. I dati sulla situazione epidemiologica della nostra provincia sono stati oggetto della Ricerca, presentata dalla Provincia di Bergamo, e realizzata dall’Università degli Studi di Bergamo che evidenzia la sussistenza delle condizioni che giustificano la nostra richiesta”.

La lettera è stata inviata per conoscenza agli Assessori Claudia Terzi e Lara Magoni e al Presidente della Camera di Commercio di Bergamo, Carlo Mazzoleni.

LA POSIZIONE DI FONTANA: “NON VOGLIO PRECORRERE I TEMPI”

“Noi dal 27 novembre potremo chiedere di entrare nella zona arancione. I dati oggi addirittura ci accrediterebbero in zona gialla, ma io non voglio precorrere i tempi”.
Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana. I dati del Covid in Lombardia, ha spiegato, “sono sicuramente molto incoraggianti, soprattutto in questi ultimi giorni c’è un costante, lento ma continuo miglioramento. Noi da un punto di vista tecnico da 15 giorni saremmo entrati nella zona arancione, il Dpcm pretende però giustamente che bisogna confermare i dati per due settimane”.

“Noi dal 27 novembre potremo chiedere di entrare nella zona arancione. Anche perché i dati oggi addirittura ci accrediterebbero in zona gialla, ma io non voglio precorrere i tempi”

leggi anche
  • Riorganizzazione
    Heineken annuncia 93 esuberi, interessato anche lo stabilimento di Comun Nuovo
    La Heineken a Comun Nuovo
  • Il report
    In Bergamasca 1.510 positivi nell’ultima settimana: i dati di ogni Comune
    positivi 24 novembre
  • Seriate
    Rapina al supermercato, giovane arrestato da carabinieri fuori servizio
    Rapina Seriate
  • Carabinieri
    Bergamo, altro giro di controlli in stazione: arrestati tre pusher
    Controlli stazione
  • L'incidente
    Martinengo, frontale tra due auto: in ospedale madre e figlia
    Incidente Martinengo
  • Bergamo
    Commercio al tempo del Covid: “Non solo piattaforme, ma servizio e attenzione all’ambiente”
    Generico novembre 2020
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it