BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Una vittoria nelle ultime sei: momento-no per l’Atalanta, ma fidiamoci di Gasperini

Le squadre del tecnico piemontese in questo periodo della stagione hanno faticato sempre, per poi mettere il turbo da dicembre in avanti

È un momento delicato per l’Atalanta di Gasperini. Con una vittoria (quella di Crotone, era il 31 ottobre scorso) nelle ultime sei uscite, i nerazzurri stanno vivendo un periodo piuttosto particolare. Non facile sicuramente.

E non poteva arrivare in un momento peggiore la trasferta ad Anfield contro il Liverpool, armata formidabile che dopo aver stravinto la Premier nella passata stagione, quest’anno è ripartita col piede giusto anche in Champions, prima nel girone dei bergamaschi a punteggio pieno.

Per la gara in terra inglese Gasperini riavrà a completa disposizione (tirati a lucido, ci auguriamo) anche quei tre elementi che sabato scorso non ha convocato per affrontare lo Spezia: Djimsiti per la difesa, Hateboer per il centrocampo e Muriel per l’attacco. Tre uomini importantissimi che contro la formazione di Klopp possono fare la differenza.

Si è però fermato Mario Pasalic: il croato nell’allenamento di lunedì ha lavorato a parte per un problema fisico. È in dubbio per mercoledì.

La pausa per le nazionali che fino a qualche anno fa veniva accolta come una manna dal cielo e che era considerata un lasso di tempo utile per tirare il fiato e fare preziosi richiami alla preparazione atletica, oggi per l’Atalanta è un grattacapo. Lo dicono i due match affrontati da Gomez e compagni dopo gli impegni delle selezioni: 4-1 a Napoli, sconfitta senza diritto di replica, e 0-0 contro il modesto Spezia, con i tre sopracitati non convocati per scelta tecnica.

Non è facile per Gasperini gestire chi gira il mondo in meno di dieci giorni e torna – a volte con qualche acciacco anche – poche ore prima di partire per una trasferta.

Per i nerazzurri la gara di Anfield sembra presentarsi come un ostacolo insormontabile: il Liverpool è una vera e propria corazzata e avrà voglia di chiudere in modo definitivo il discorso qualificazione, mentre gli uomini di Gasperini non vivono un momento di forma brillante e hanno alcuni uomini-chiave che appaiono stanchi (capitan Gomez, su tutti).

Un’impresa in casa dei Reds, però, rilancerebbe i nerazzurri in chiave di qualificazione Champions e regalerebbe una ventata di ottimismo in un momento delicato. Non sarà facile, ma non è nemmeno impossibile.

Anche se lo score attuale – una vittoria nelle ultime sei partite, appunto – non deve far tremare proprio nessuno: le squadre di Gasperini (Atalanta compresa) in questo periodo della stagione hanno faticato sempre, per poi mettere il turbo da dicembre in avanti.

Un anno fa a novembre erano arrivati i ko con Cagliari e Juventus (a Bergamo) e lo striminzito 0-0 in casa della Samp.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.