"Tracce di dolcezza", al via la campagna natalizia di Aeper - BergamoNews
Informazione Pubblicitaria

AEPER racconta

L'iniziativa

“Tracce di dolcezza”, al via la campagna natalizia di Aeper

Il nome nasce dal desiderio di mantenere lo sguardo acceso nella ricerca di un modo buono di essere umani

Torna come di consueto, ma con tutte le eccezioni di un anno eccezionale, la campagna natalizia di AEPER.

L’abbiamo chiamata ‘Tracce di dolcezza’ perché sentiamo forte il desiderio di mantenere lo sguardo acceso nella ricerca di un modo buono di essere umani.

Buono è il nostro legno, trattato, tagliato e assemblato presso il centro diurno Cordata.
Buono il panettone di Buono dentro realizzato in carcere dalla Cooperativa Calimero.
Buone le noci fornite dalla cooperativa Why not.

Dolci i prodotti offerti in questa campagna di un 2020 così bizzarro.

Come ogni anno è possibile acquistare i prodotti online accedendo a questo link, dove si trovano anche i dettagli per il ritiro o la consegna a domicilio: https://forms.gle/wbgd6buxoUPJshpr5

Desideriamo avvicinarci con attenzione gli uni alle altre e vivere questo tempo accorciando le distanze.
Questo dono mescola il profumo del legno*,
del cioccolato** e delle noci***,
il sapore di una tisana fruttata,
con il calore delle mani di chi vive un momento di fragilità.
Sullo sfondo i colori di Arcabas,
in primo piano dolcezza da regalare a chi sentiamo vicino.
Questo dono valorizza il lavoro di persone con e senza fragilità.
Il ricavato viene devoluto ai progetti della campagna
“S.bilanciati sul filo del futuro”.
___
Informazioni:
345.7006689
Prenotazioni:
nataleconaeper@aeper.it

Il pagamento è possibile in contanti, con bonifico bancario o PayPal: maggiori informazioni nella email di conferma dell’ordine
Prenotazioni entro il 18 dicembre.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it