BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Olga: tanta determinazione e voglia di entrare nel mondo del lavoro

Lontananza da casa, lockdown e una tesi da dover scrivere. Sono questi gli ultimi mesi che ha vissuto Olga, ma finalmente si è laureata con uno sguardo tutto orientato verso il futuro

Olga è una ragazza di 23 anni, textile designer, ufficialmente laureata venerdì 20 novembre all’Università degli Studi di Bergamo.

Un traguardo molto importante. Facciamo i nostri complimenti a Olga ma partiamo dall’inizio; da dove tutto è iniziato: dalla passione di Olga per la moda.

Perché proprio l’università di Bergamo e il curriculum moda, arte, design e cultura visiva?

Io ho frequentato il Setificio – Isis Paolo Carcano a Como e dopo essermi diplomata stavo valutando diverse università. Avevo un’unica certezza: non volevo fare un’accademia ma volevo avere un titolo di studio in mano. Avevo provato anche un test d’ingresso pressa la IUAV di Venezia e mi ero classificata bene in graduatoria ma non ero convinta davvero di questa scelta. Ho continuato la mia ricerca e ho scoperto che a Bergamo c’era un corso simile e analizzando il piano di studio ho notato che si trattava di un corso molto incentrato sulla teoria, cosa che a me interessava molto in quanto sentivo di avere delle lacune da colmare. Fortunatamente sono riuscita ad immatricolarmi il giorno prima della chiusura delle iscrizioni.

Consiglieresti questo corso a chi si dovesse ritrovare nelle tue parole?

Sì, però è necessario andare avanti e specializzarsi. Io, ad esempio, sto facendo un master al quale mi sono iscritta mentre frequentavo ancora la triennale In quanto volevo portarmi avanti. Sto facendo un master di ingegneria a Dalmine, conosciuto con il nome di Textile supply chain technologies and processes. Tale corso fa appunto parte dell’area tessile e mi sta appassionando molto. Voglio cercare il più possibile di acquisire conoscenze per poi spenderle in ambito lavorativo anche se il periodo non è dei migliori.

Sei anche tu team fuorisede?

Esattamente. Io sono di Bosisio Parini, vicino a Lecco, e ho fatto il mio primo mese come pendolare. Successivamente ho deciso di trasferirmi ad Alzano dato che a Bergamo non avevo trovato un alloggio. Ho trovato comunque un giusto compromesso. Il tram mi permetteva di raggiungere Bergamo in un attimo! Ammetto che tornavo spesso a casa nel fine settimana.

Hai fatto quindi il primo lockdown ad Alzano?

Sì, avevo deciso di rimanere lì perché non me la sentivo di tornare a casa. Sono riuscita poi a tornare a casa a maggio.

Parlaci della tua tesi e della tua proclamazione, te la immaginavi così?

È andata e sono molto felice! Per festeggiare e condividere con i miei cari questo mio traguardo ci sarà modo e tempo. Mi sono comunque arrivati dei pensierini tra cui un bel mazzo di fiori. Ho festeggiato con la mia famiglia e scattato qualche foto ricordo. Sono comunque sicura che presto brinderemo tutti insieme! La mia tesi, con il titolo: “Coolhunting e la ricerca delle tendenze in ambito tessile e moda”, mi ha permesso di fare una ricerca su quelle che sono le tendenze, permettendomi anche di inquadrare l’idea stessa di tendenza e di ricostruire la storia e la diffusione che tale fenomeno ha avuto nella società. Ho cercato di analizzare il fenomeno anche dal punto di vista della letteratura, della storia e del costume, chi erano gli antenati del coolhunting.

È stato difficile reperire i dati e il materiale?

Sì. Il periodo in cui ho scritto la tesi è stato quello del primo lockdown e le biblioteche non erano accessibili. Solo successivamente quando sono state riaperte ho potuto davvero sviluppare il mio lavoro al meglio anche se ho dovuto rivedere la bibliografia iniziale e cercare delle fonti più autorevoli su Internet.

Progetti per il futuro? Dove vorresti arrivare con la tua passione?

Adesso vorrei riuscire a fare un po’ di esperienza e trovare un lavoro in ambito tessile. Come ho esposto anche nella mia tesi, mi affascina molto l’ambito di ricerca e sviluppo. Nonostante il periodo non mi scoraggio, ce l’ho messa tutta nel cercare di inserirmi nel mondo del lavoro con il miglior curriculum possibile. Vedremo cosa mi riserverà il futuro. Al momento io non mollo!

Dal tuo profilo Instagram emerge che sei anche una modella!

Sì. In realtà è iniziato tutto un po’ per gioco. Una mia amica mi aveva proposto di fare un casting per lavorare come “modella per un giorno” in un negozio di intimo a Brescia. Mi sono detta che avrei comunque potuto provare. Ho tentato anche se ero un po’ intimidita dalla situazione. I fotografi, le luci, ma soprattutto lo stare in intimo davanti a degli sconosciuti. Nonostante le mie insicurezze, nei vari scatti sono risultata parecchio fotogenica e vedendo i risultati mi sono lasciata piano piano andare e devo dire che mi sono molto divertita. Successivamente ho fatto altri servizi fotografici e delle sfilate online. Inoltre, mi piace molto postare foto sui social. Vista la situazione e visto che il master mi occupa solo un giorno alla settimana, ho tanto tempo libero e quindi ne approfitto cercando di intrattenere i miei followers. Vorrei provare a trasmettere loro anche solo un po’ di spensieratezza.

Il 25 novembre ricorre la giornata mondiale contro la violenza sulle donne e Olga ha voluto lasciare un contributo a tutte noi attraverso questa citazione:

“La donna è uscita dalla costola dell’uomo, non dai piedi perché dovesse essere pestata, né dalla testa per essere superiore, ma dal fianco per essere uguale…
un po’ più in basso del braccio per essere protetta e dal lato del cuore per essere Amata.”
William Shakespeare

La cosa che mi ha maggiormente colpito di questa giovane dottoressa è la sua determinazione. Con costanza ha fatto tutto quello che stato in suo potere per cercare di formarsi al meglio e per poter entrare nel mondo del lavoro sicura di sé stessa. Sono anche certa che continuerà a coltivare la sua passione mettendosi sempre in discussione ma con sempre chiaro il suo obiettivo.

Ringrazio Olga per la chiacchierata e le faccio un grande in bocca al lupo per tutto!

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.