“Cara Santa Lucia…”, a Grassobbio la cassetta della posta per il Paradiso - BergamoNews
Verso il 13 dicembre

“Cara Santa Lucia…”, a Grassobbio la cassetta della posta per il Paradiso

Una magica cassetta della posta per far recapitare la letterina a Santa Lucia nonostante non venga consegnata alla chiesetta in centro a Bergamo

Santa Lucia è una magia irrinunciabile che accompagna tutti i bergamaschi dal primo giorno di nascita. Ogni 12 dicembre, il fiato si spezza, il cuore accelera e gli occhi guardano in su, verso il cielo, con la speranza, mai sopita nonostante gli anni che passano, di sbirciare un carretto fatato con una bellissima ragazza con il volto coperto da un velo, insieme al suo fedele asinello.

Il suo incantesimo non smette di commuoverci e di rimpiangere la Santa Lucia dell’infanzia, quando i sogni erano grandi e la realtà non intaccava la fantasia.

Quest’anno la notte più lunga dell’anno avrà un sapore diverso, più amaro e tinto di incertezze.

Tra le difficoltà che tutti noi abbiamo dovuto affrontare e le rinunce che abbiamo dovuto accettare, i bambini e le bambine di Bergamo, piccoli guerrieri silenziosi nell’emergenza sanitaria, negli ultimi giorni hanno una paura che li accomuna tutti.

“La Santa Lucia arriverà nonostante il lockdown?” E, ancora, “come fa a sapere che regali voglio se non posso portarle la letterina?”

Sì, perché per i bambini della provincia bergamasca, la tradizionale consegna della lettera alla chiesetta di Santa Lucia in centro a Bergamo, non rientra tra i “motivi di necessità” che giustificano i movimenti tra comuni in zona rossa.

Per non costringere i bambini e le bambine a rinunciare alla magia di Santa Lucia, perciò, la parrocchia di Grassobbio, grazie al lavoro del gruppo catechiste e del gruppo giovani del paese, ha appeso una cassetta della posta sul cancello dell’oratorio dove è possibile inviare la letterina alla Santa più amata.

“Posta per il Paradiso…” campeggia sul poster stellato affisso dal 17 novembre.

Santa Lucia Grassobbio

“Tutti hanno lavorato all’iniziativa – racconta Lucia Coter del gruppo catechiste e gruppo giovani di Grassobbio e ideatrice del progetto – Quest’anno abbiamo rivoluzionato la tradizione di Santa Lucia nel nostro paese: per non rinunciare al tradizionale giro della Santa per le vie del paese, il 12 dicembre del 2020 Santa Lucia sarà motorizzata e saluterà tutti i bambini del paese che saranno affacciati alle finestre di casa”.

“Il giro si concluderà sul sagrato della chiesa dove svuoterà le letterine raccolte nella cassetta della posta e, così, i bambini e le bambine del paese potranno fare sogni tranquilli: la mattina dopo troveranno i loro regali e la consueta magia della notte più bella”, conclude Lucia Coter.

leggi anche
  • L'iniziativa
    Santa Lucia, i bimbi non possono portare le letterine? Ci pensano Comune e scuola
    Lettera Santa Lucia
  • Fotonotizia
    Ottobre, spuntano le prime letterine a Santa Lucia
    Letterine Santa Lucia
  • Fotonotizia
    Santa Lucia è passata anche per i piccoli pazienti dell’ospedale di Bergamo
    Santa Lucia ospedale
  • Il focus
    Santa Lucia e il legame con Bergamo: da dove nasce la devozione
    Santa Lucia
  • Giocarte
    I bimbi si preparano per Santa Lucia: colori, letterine e… l’igienizzante per non farla ammalare
    santa lucia ok
  • Verso il 13 dicembre
    Marta, 7 anni: “Cara Santa Lucia, il velo ti proteggerà dal virus”
    Letterine Santa Lucia
  • Solidarietà
    Santa Lucia, una box made in Bergamo per i cittadini in difficoltà
    Santa Lucia solidale
  • Weekend dell'immacolata
    Santa Lucia, i bergamaschi non rinunciano alla tradizione più bella
    Santa Lucia 2020
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it