“Ministra Azzolina, la didattica a distanza è frustrante: faccia tornare i ragazzi a scuola" - BergamoNews

Lettere

La lettera

“Ministra Azzolina, la didattica a distanza è frustrante: faccia tornare i ragazzi a scuola”

Lo sfogo di una professoressa bergamasca, che ha scritto direttamente al ministro dell'Istruzione: "Vogliamo solo lavorare"

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di una professoressa bergamasca, Silvia Maria Ravazzi, che ha voluto scrivere al ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina per renderla partecipe delle difficoltà che i professori incontrano ogni giorno con la DDI, la Didattica Digitale Integrata.

“I docenti girano per la scuola sperando di poter trovare una connessione, anche in bagno – ci ha scritto -, e anche utilizzando i nostri hot spot tante volte non funzionano, siamo collegati in troppi, perdiamo così le già poche ore di DDI. È frustrante”.

Ecco la lettera della professoressaRavazzi.

Egregio Ministro Lucia Azzolina,
sono un’insegnante della scuola secondaria di primo grado di un paese della provincia di Bergamo.
Scrivo tale lettera perché desidero farLe sapere che nel nostro territorio non c’è connessione, perciò le DDI risultano quasi impossibili.
Altro che dire “Non lasciamo indietro nessun alunno sia come comunicazione scuola-famiglia sia come device e connessione!” (linee guida Ministero). Qui è un’intera scuola che non riesce a lavorare!!!!
In un territorio, quello bergamasco, in cui è vergognoso e colpevolizzante verso i nostri ragazzi averli lasciati a casa in questo modo!!!
Tanto più che non si pensa alle conseguenze sia didattiche, ma soprattutto psichiche e psicologiche che potranno avere ripercussioni anche di lunga durata sui nostri ragazzi.
Parecchi dei miei alunni hanno situazioni già molto difficili, sia familiari che personali. Li trovo sempre più depressi e demotivati anche se loro dicono che va tutto bene.

Perché non preme per farci almeno passare a Zona Arancione?
Noi abbiamo contagi molto bassi.
Alle conseguenze sui ragazzi ci pensate?
Io Le devo dire sinceramente che oggi ho detto un rosario, ho pregato perché i nostri alunni tornino il più presto possibile sui banchi di scuola.
Noi ci teniamo al massimo ad eseguire le regole di sicurezza AntiCovid e loro le eseguono.
Non facciamo lavori di gruppo, purtroppo, perché i banchi non si possono spostare, ma comunque cerchiamo di lavorare sul gruppo classe, promuovendo discussioni… Abbiamo lavorato sull’accoglienza per rielaborare come avevano vissuto il lockdown, abbiamo fatto un cartellone con le loro frasi che hanno voluto rimanessero nella memoria di classe…
Ora dopo un periodo di ripresa si stava iniziando a lavorare bene…
Peccato!
Noi vogliamo solamente lavorare!
Essere messi nelle condizioni di poter lavorare!
Adesso è impossibile!

La DDI non è scuola!
Non potrà mai sostituire le lezioni in presenza!
I docenti girano per la scuola sperando di poter trovare una connessione, anche in bagno, e anche utilizzando i nostri hot spot tante volte non funzionano, siamo collegati in troppi, perdiamo così le già poche ore di DDI. È frustrante.
Il Dirigente ci ha fatto sapere che da parte del Comune ci vorranno mesi…
Siamo esausti.

Sperando in una qualche buona nuova
Confidando nella Sua Attenzione che ha sempre dimostrato nei momenti difficili
Le invio i miei più cari saluti
professoressa Silvia Maria Ravazzi

leggi anche
  • Il bilancio dell'ats
    Nelle scuole bergamasche 277 positivi in una settimana: 73 classi in quarantena
    classe scuola vuota banchi (foto Pawel Czerwinski da Unsplash)
  • Covid
    Bar delle scuole, l’appello dei gestori: “Obbligati a non lavorare, servono aiuti”
    Bar delle scuole
  • L'intervista
    Il virologo Palù: “Scuole, detonatrici dei contagi. L’errore? Mezzi pubblici pieni”
    giorgio palù
  • L'intervento
    “Chiudere le scuole è molto facile, ma i nostri giovani non se lo meritano”
    Scuola (foto di Taylor Wilcox per Unsplash)
  • Cerchi altre soluzioni
    I sindaci e la ministra Azzolina a Fontana: “No alla chiusura delle scuole superiori”
    Attilio Fontana a Bergamo
  • Il 27 novembre
    A Bergamo tornano gli Stati generali della Scuola digitale, con Azzolina e Boeri
    scuola digitale
  • Agli stati generali
    Azzolina: “Le scuole di Bergamo simbolo per tutta Italia”
    Gori azzolina scuola ok
  • Il presidente felli
    Ritorno a scuola? Atb e Teb: “Con capienza massima dei mezzi al 50% impossibile tutto in presenza”
    Felli Atb
  • Istruzione
    Zona arancione, e sui banchi tornano gli studenti di seconda e terza media
    Scuola (foto di Taylor Wilcox per Unsplash)
  • L'intervento
    “Scuola, niente prolungamenti ad agosto, si riparta in sicurezza”
    Scuola a distanza
  • La dirigente scolastica
    “Le superiori bergamasche sono pronte, ma la scuola non è un’isola”
    Scuola pexels
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it