BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Mattioli: “Questo Donizetti Opera? Esperimento internazionale mai visto prima”

Alberto Mattioli, giornalista de La Stampa, già corrispondente da Parigi, critico musicale, debutta al Donizetti Opera 2020 nel ruolo di dramaturg. Una figura quasi sconosciuta in Italia, ma ben presente nei festival lirici in giro per mondo.

Da critico a protagonista. Non deve essere un percorso facile né tantomeno una sfida da affrontare a cuor leggero. Eppure Alberto Mattioli, giornalista de La Stampa, già corrispondente da Parigi, appassionato di musica lirica, non si è lasciato sfuggire l’occasione di essere parte del Donizetti Opera 2020 che si apre venerdì 20 novembre a Bergamo.

Alberto MattioliAlberto Mattioli

In questa video intervista, tra una prova e l’altra, Mattioli racconta il suo ruolo di dramaturg: una figura in Italia finora quasi sconosciuta nel campo della lirica, ben collaudata invece all’estero dove il critico è solito frequentare i maggiori festival operistici.

Confessa il suo amore per Bergamo, ma soprattutto ammette che è entrato a far parte della squadra del Donizetti Opera perché il musicista bergamasco è uno dei cinque maggiori compositori italiani più rappresentati all’estero, di una grandezza ancora da scoprire anche in un’opera come quella di “Marino Faliero“.

E, anche se è entrato nello staff a calendario definito, poi rimodificato più volte per via della pandemia del Covid, si sente orgoglioso di questo festival che debutta sulla web tv.

“È un esperimento che a livello internazionale è unico, nessun teatro lo ha ancora fatto. Qui stiamo parlando di un intero festival su web tv che permetterà di essere visto in tutto il mondo con un comodo e accessibile abbonamento – afferma Mattioli -. Anche solamente per questo credo il Donizetti Opera sia una splendida avventura che racconterò con piacere. Quando mi è stata proposta, non ho esitato un attimo: un’occasione unica per entrare nella complessa macchina di un festival lirico. Certo non potrò scrivere, ma vedrò in prima persona tutta gli ingranaggi di un manifestazione così prestigiosa in un tempo non certo facile come quello che stiamo vivendo per il Covid”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.