BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Benemerenze, proposti Orlando e il volto del femminismo bergamasco

I nomi sostenuti dal comitato "Non Una di Meno Bergamo"

Dopo solo pochi giorni dal temine per la presentazione delle segnalazioni per le civiche benemerenze, iniziano già a spuntare i primi nomi sostenuti dai diversi gruppi di partito e associazioni.

Il Comitato bergamasco Non Una Di Meno, insieme ad altre realtà bergamasche in prima linea per il sociale e consiglieri comunali, si è speso indicando due nomi per il premio indetto dal Comune di Bergamo destinato a persone, enti, società, istituzioni che si sono particolarmente distinti nei diversi campi e attività pubbliche e private e che hanno contribuito a elevare il prestigio della nostra città con disinteressata dedizione.

Rosangela Pesenti è la donna presentata dall’associazione in prima linea per i diritti delle donne.

“Scrittrice, scrittora, saggista, storica, antropologa, insegnante ma soprattutto attivista e femminista. Rosangela Pesenti nata nel luglio del 1953 rappresenta un pezzo importante di una storia politica e culturale, tutt’oggi troppo poco raccontata e studiata, quella delle Donne. Il suo interesse in quest’ambito è il file rouge che collega tutti gli impegni pubblici e professionali finora ricoperti. Tutt’oggi formatrice sulle tematiche del genere continua la sua attività di volontaria nel campo della relazione d’aiuto per donne maltrattate collaborando con il centro antiviolenza AiutoDonna”, si legge nel documento presentato in favore della candidatura.

“Una donna importante nella storia del femminismo bergamasco su cui ancora poter fare affidamento”, viene infine definita Pesenti.

Con lei, l’associazione “Immaginare Orlando” nata nel 2009 con l’obiettivo di promuovere cambiamenti intorno ai temi dell’identità, delle relazioni e delle rappresentazioni del corpo. Attraverso un approccio aperto e inclusivo, l’associazione opera attraverso progetti formativi e culturali multidisciplinari.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.