Quantcast
Andrea Doglioni Majer, presidente e Ceo Carimali, è la nuova guida di Ucimac - BergamoNews
La nomina

Andrea Doglioni Majer, presidente e Ceo Carimali, è la nuova guida di Ucimac

Il comparto rappresentato da Ucimac, che nel 2019 aveva sfiorato un fatturato di 500 milioni di euro, nel 2020 vede un calo del -14,1%, scendendo così a 425 milioni di euro (previsioni Ufficio Studi Anima).

Ucimac, il comparto di Assofoodtec che rappresenta i costruttori di macchine per caffè espresso professionali e attrezzature per bar all’interno di Anima Confindustria, ha nominato Andrea Doglioni Majer come nuovo presidente. Ingegnere 53enne di origine milanese, attualmente è Presidente e Ceo della Carimali Spa di Chignolo dì’Isola.

“La crisi Covid – dichiara il nuovo presidente Ucimac, Andrea Doglioni Majerha accelerato e consolidato il cambiamento delle abitudini di consumo del caffè nel mondo. La ripresa si preannuncia lunga, difficile e le nostre aziende saranno costrette a trasformarsi ridisegnando strategie che fino a ieri sembravano indiscutibili”.

Il comparto rappresentato da Ucimac, che nel 2019 aveva sfiorato un fatturato di 500 milioni di euro, nel 2020 vede un calo del -14,1%, scendendo così a 425 milioni di euro (previsioni Ufficio Studi Anima).

Ucimac è il comparto di Assofoodtec che rappresenta i Costruttori di Macchine per caffè espresso professionali e Attrezzature per bar all’interno di Anima Confindustria. Nel 2020 è previsto un fatturato di 425 milioni di euro per il comparto rappresentato da Ucimac, con una quota export/fatturato di oltre il 70% (dati Ufficio Studi Anima).

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it