Calcio, maxi evasione da un milione di euro: 36enne condannato e casa sequestrata - BergamoNews
L'operazione

Calcio, maxi evasione da un milione di euro: 36enne condannato e casa sequestrata

Nel 2016 l'imprenditore non aveva presentato la dichiarazione dei redditi

Abitava con la famiglia a Calcio e gestiva una società di costruzioni che operava nelle Marche. Nel 2016, però, G. A. B., 36enne rumeno, non aveva presentato la dichiarazione dei redditi. Un particolare che aveva insospettito gli uomini della Guardia di Finanza di Pesaro, che avevano avviato una serie di controlli nei suoi confronti fino a scoprire una maxi evasione fiscale da oltre un milione di euro.

La minuziosa attività ispettiva delle Fiamme Gialle ha permesso di ricostruire i reali guadagni nascosti dell’uomo, consentendo il recupero a tassazione del profitto realizzato. Oltre alle sanzioni amministrative che ne sono conseguite, l’imprenditore è stato deferito alla Procura della Repubblica di Pesaro che ha istruito il processo nei suoi confronti.

Il giudice in primo grado ha accolto la tesi accusatoria, condannando il 34enne dell’imputato a due anni di detenzione e all’emissione del decreto di confisca di denaro e beni, fino alla concorrenza dell’importo dell’evasione fiscale.

I finanzieri hanno così eseguito la confisca per un importo di oltre 500mila euro, del denaro presente nei conti correnti bancari, di un appartamento a Calcio e di due auto intestate all’imprenditore, legale rappresentante della ditta di costruzione di edifici residenziali e non, in particolare nella zona costiera di Gabicce Mare.

leggi anche
  • Il bilancio
    Finanza, durante l’emergenza dura lotta a usura, riciclaggio e frodi sui Dpi
    anniversario finanza
  • La donazione
    La Polizia riceve in dono 800 occhiali protettivi e li divide con Carabinieri e Finanza
    occhiali polizia
  • A villongo
    Attesa al processo, non si presenta: la stava arrestando la Guardia di Finanza
    Guardia di finanza nostra
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it