Libemax

Smartworking e non solo: l’app Rilevazione Presenze per la gestione del dipendenti fotogallery

L'innovativo sistema permette di evitare spreco di carta, tempo e denaro nell'organizzazione interna

In questo periodo segnato dall’emergenza Coronavirus molte aziende stanno attuando lo smart-working. Il lavoro da casa, sicuramente, rende più impegnativa la gestione dei dipendenti e, per questo, Libemax ha ideato l’“App Rilevazione Presenze”, innovativo sistema finalizzato a supportare nella governance del personale.

Daniel Maida, il giovane informatico alla guida del team bergamasco che da oltre sette anni studia soluzioni hi-tech per le imprese, afferma: “Basta costi superflui per le realtà che ogni giorno devono affrontare le svariate dinamiche legate al personale. La nostra applicazione permette, tramite una semplicissima interfaccia, la rilevazione delle presenze in mobilità per tutte le attività svolte fuori sede, come nei settori delle pulizie, dell’edilizia, della manutenzione, oltre che per coloro che operano in smart-working”.

Una vera e propria trasformazione digitale, con il badge sostituito da un click sullo smartphone: mediante l’app i dipendenti possono inviare le timbrature al sistema centrale da qualunque posto si trovino e in tempo reale, senza dover rientrare in sede per vidimare il cartellino o compilare il report.

Inoltre, con la stessa piattaforma vengono amministrati anche rimborsi chilometrici, nota spese, fogli di intervento, gruppi, schedulazione dei lavori, documenti, ferie e malattie. “Il tutto all’insegna del green – specifica l’amministratore delegato – e della tutela della privacy, come ha confermato il Garante, poiché gli utenti non sono tracciati minuto per minuto e la geolocalizzazione avviene solo all’inizio e al termine del lavoro”.

La comunicazione interna migliora nettamente, in quanto niente viene più lasciato al caso e in balìa di dimenticanze o incomprensioni, tipiche del verbale o dei metodi di norma in uso. Vantaggi che si estendono altresì al rapporto con i clienti, che migliora in termini di professionalità e trasparenza.

L’App si può provare gratuitamente, come spiega Maida: “Desideriamo che siano gli utenti a scegliere di rimanere con noi sperimentando direttamente: la nostra assistenza, sempre al fianco delle oltre 4mila aziende nostre clienti; la semplicità dell’interfaccia; l’esperienza di chi da anni è sul campo; e la continua implementazione della piattaforma”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Generico febbraio 2021
L'analisi
Smartworking per alcuni e qualificati settori, la presenza del lavoratore fa ancora differenza
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI