La situazione

La Regione spinge per la Lombardia zona arancione: oggi incontro col Governo

I dati mostrano un rallentamento del contagio e da 4 giorni sono già in linea con un scenario di tipo 3: ma prima del 27 novembre non si cambierà.

I dati sembrano dare un segnale di speranza alla Lombardia: da quattro giorni la regione, a livello tecnico, ha indicatori compatibili con uno scenario da zona arancione e non più rossa.

Ma il passaggio, stando a quanto previsto dal decreto, non può essere così semplice e immediato: per essere “declassato”, infatti, chi si trova in una fascia di rischio deve far registrare 14 giorni di “permanenza nello scenario di rischio inferiore”.

Tradotto: la Lombardia, se sarà zona arancione, potrà esserlo non prima di venerdì 27 novembre.

A patto, ovviamente, che in questo lasso di tempo si confermi il rallentamento della velocità di contagio e che rimanga stabile il numero dei ricoveri perchè, come ha ricordato il ministro della Salute Roberto Speranza, la frenata non è sinonimo di un arretramento del virus.

Come si sta muovendo la Regione? Dopo essersi opposti all’ingresso in fascia rossa e aver guidato la protesta della “fazione” convinta che fosse necessario adottare misure omogenee in tutto il Paese, i vertici del Pirellone sono concentrati sulla “retrocessione” in zona arancione.

Una valutazione che non sarà semplice, in quanto gli scenari interni alla regione sono molto variegati: da Milano, Monza e Brianza e Varese continuano ad arrivare dati allarmanti riguardo la situazione epidemiologica mentre altre realtà, tra le quali Bergamo, stanno resistendo molto di più alla cosiddetta seconda ondata.

Possibile, e lo prevede il Dpcm col quale è stata istituita la suddivisione in zone, che la ridiscussione delle misure regionali porti anche a una differenziazione tra province lombarde, con quelle più in sofferenza che potrebbero rimanere “rosse” anche in caso di declassamento in “arancione” del livello di rischio lombardo.

Quella di martedì, in questo senso, è una giornata importante perchè è in programma un’attesa conferenza Stato-Regioni proprio per discutere delle misure in atto e da attuare.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
leggi anche
Generico novembre 2020
Dalla regione
Covid, nelle ultime 24 ore in Lombardia 99 decessi: a Bergamo 177 nuovi positivi
Riaperto l'ospedale alla Fiera di Bergamo: l'arrivo dei primi pazienti Covid
Il report
Pazienti deceduti nella seconda ondata: media di 81 anni, 8 giorni dal ricovero alla morte
L'arrivo vaccino covid in Lombardia
La linea del tempo
Bergamo, la terza ondata Covid giorno per giorno: 3.630 persone in isolamento
Andrea Paulicelli, nuovo presidente della consulta studentesca
Ha 17 anni
Consulta Studentesca bergamasca, Andrea Paulicelli è il nuovo presidente
Dati Regione
I dati di martedì 17 novembre
Covid: a Bergamo altri 202 contagi, in Lombardia 8mila positivi e 202 decessi
Malanchini Violi
Il dibattito
Malanchini: “Lombardia tutta zona arancione”. Violi: “No, meglio differenziare”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI