Bergamo, nuovi bandi per micro-imprese e liberi professionisti: come partecipare - BergamoNews
Progetto rinascimento

Bergamo, nuovi bandi per micro-imprese e liberi professionisti: come partecipare

Al via una nuova fase del programma Rinascimento Bergamo per sostenere ancora di più commercianti e lavoratori autonomi

L’introduzione di un secondo lockdown che ha portato a Bergamo e in tutta la Lombardia alla chiusura di molte attività commerciali e artigianali, ha spinto il Comune di Bergamo a ripensare le opportunità di supporto offerte dal Programma Rinascimento Bergamo per rispondere a questa nuova situazione di crisi. In accordo con Intesa Sanpaolo, e in collaborazione con Cesvi, nuovi contributi a fondo perduto saranno erogati a sostegno delle micro-imprese colpite dalle nuove restrizioni.

I nuovi bandi, presentati da il sindaco Giorgio Gori e il vicendisaco Sergio Gandi, la presidente di Cesvi Gloria Zavatta e Paolo Caroli di Intesa San Paolo, nella mattinata di lunedì 16 novembre, riguarderanno le micro-imprese e i liberi professionisti.

Il primo bando Spese Inderogabili, chiuso il 31 agosto, ha riscosso un grande successo andando a supportare oltre 2.700 imprenditori appartenenti a diversi settori – tra cui commercio al dettaglio (25%) dei servizi di ristorazione (16%) e dei servizi per la persona (14%) – erogando oltre 4 milioni di euro, di cui circa il 60% entro i 10 giorni dalla presentazione della domanda.

La sua nuova versione, chiamata “Spese Inderogabili Flash”, supporterà solo le micro-imprese colpite dalle chiusure introdotte con il DPCM del 3 novembre e la conseguente attivazione della zona rossa nel territorio, perciò, a differenza del precedente bando, questa nuova versione riguarderà solo le attività sottoposte alla chiusura, non quelle aperte ma in difficoltà. Per questo bando è stato stanziato un milione di Euro.

Il Bando Spese Inderogabili Flash prevede l’erogazione di un contributo fino ad un massimo di 1.000 euro per ogni partecipante selezionato e sarà aperto fino al 30 novembre alle ore 12.

Per partecipare, è necessario essere microimpresa vale a dire essere composti da meno di 10 persone, avere un fatturato annuo oppure un totale dell’attivo dello stato patrimoniale non superiore a 2 milioni di euro ed avere una sede operativa nel Comune di Bergamo.

Per partecipare, chi ha partecipato già al bando Spese Inderogabili potrà farlo rispondendo alla comunicazione elettronica che riceveranno in automatico, per tutte le altre imprese, invece, sarà possibile partecipare presentando domanda di partecipazione tramite la procedura online che sarà resa disponibile al link https://www.rinascimentobergamo.it/bandi/partecipa.

Al Programma Rinascimento si aggiunge un’ulteriore novità: l’introduzione del “Bando Anguissola” rivolto a studi professionali, studi associati, liberi professionisti, lavoratori autonomi a partita IVA e consulenti interessati a realizzare progetti di consolidamento, adeguamento, rinnovamento, innovazione e/o riorganizzazione della propria attività, a seguito della mutazione delle condizioni lavorative e di vita.

Il bando, che intende assegnare contributi a fondo perduto, accompagnati da finanziamenti di impatto, a tasso agevolato e senza garanzie, vuole dare priorità ai progetti portatori di idee e finalità coerenti con il mutato contesto nel territorio e che punteranno a raggiungere risultati concreti e misurabili.

Le risorse stanziate per il Bando Anguissola ammontano a € 2.500.000 di cui € 500.000 a fondo perduto erogati da Cesvi e € 2.000.000 in finanziamenti d’impatto erogati direttamente da parte di Intesa Sanpaolo.

Per partecipare i soggetti è necessario avere sede legale o domicilio fiscale della propria attività nella città di Bergamo o, in alternativa, avere residenza nella città di Bergamo, nel caso di persone fisiche e non avere presentato istanza di partecipazione per i Bandi Michelangelo e/o Raffaello.

Il Bando offre la possibilità di realizzare interventi in diverse aree, in autonomia o in partenariato, di adeguamento normativo legato alle prescrizioni e alle restrizioni COVID-19; di organizzazione e servizi; di innovazione, anche sociale ed ecologica; interventi per la creazione di partenariati e per l’integrazione strategica tra professionisti.

Sono ammesse le spese sostenute nel periodo tra il tra il 9 marzo 2020 e la data della rendicontazione finale delle attività, che in ogni caso non dovrà superare il 31 dicembre 2021.

Le domande di partecipazione al bando Anguissola vanno presentate a Cesvi tramite la procedura online che sarà resa disponibile al seguente link https://www.rinascimentobergamo.it/bandi/partecipa entro il 31 dicembre.

Sono ancora attivi i bandi Michelangelo e Raffaello che hanno portato all’approvazione di 290 progetti con oltre 1,6 milioni di euro destinati a fondo perduto e oltre 2,3 milioni di euro destinati a finanziamenti d’impatto. Gli interventi finanziati da questi bandi stanno accompagnando l’economia della città verso il domani e rappresentano lo spirito del suo rinascimento. Per permettere ad altre aziende di beneficiare di questa opportunità è quindi stato deciso di prorogare la scadenza dei bandi “Michelangelo” e “Raffaello” al 28 Febbraio 2021.

Per maggiori informazioni e per accedere ai bandi: www.rinascimentobergamo.it. Infoline: 800 694 924

leggi anche
  • L'iniziativa
    Rinascimento Bergamo: in arrivo un nuovo bando per il terzo settore
    palazzo frizzoni
  • Il 2% dei residenti
    Bergamo: a 2.754 micro-imprese i 4 milioni del bando Rinascimento
    bando rinascimento bergamo
  • Dal comune
    Progetto Rinascimento: prorogati ed estesi bandi per micro e piccole imprese di Bergamo
    Bergamo riparte dopo il lockdown
  • I fondi
    Bergamo e la Fase2 del bando ‘Rinascimento’: 22 milioni alle aziende per superare l’emergenza
    palafrizzoni
  • L'iniziativa
    Bergamo, ordina un libro e te lo portano a casa: ecco come
    libri libreria (Foto Alfons Morales da Unsplash)
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it