BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Europei, Elisa Balsamo e Vittoria Guazzini si aggiudicano il titolo nella “madison”

Le portacolori della Valcar-Travel & Service hanno superato le russe Maria Novolodskaya e Diana Klimova: ottimo anche il bronzo di Miriam Vece nei 500 metri femminili.

Ultima giornata di Europei carica d’emozioni per il ciclismo su pista bergamasco.

A sigillare un’edizione piena di soddisfazioni ci hanno pensato Elisa Balsamo e Vittoria Guazzini che hanno conquistato il titolo continentale nella madison, gara a punti che si disputa a coppie.

La coppia della Valcar-Travel & Service si è imposta sul velodromo di Plovdiv al termine di una sfida al cardiopalmo con la Russia e la Gran Bretagna, superate soltanto nella volata conclusiva.

In grado di sfruttare al meglio il legame costruito fra le fila del team di Bottanuco, le azzurre hanno conquistato tre dei primi sei sprint, chiudendo nel quinto alle spalle soltanto delle inglesi.

Il tentativo promosso a metà gara da Maria Novolodskaya e Diana Klimova ha rischiato di scombinare i piani del duo tricolore che non ha potuto impedire alle russe di guadagnare un giro e di accumulare venti punti.

La cuneese di stanza a Sarnico e la 19enne pisana hanno però prontamente reagito, aggiudicandosi altri due sprint e concludendo la prova con 52 punti, uno in più delle dirette avversarie.

Terzo posto per le britanniche Elinor Barker e Laura Kenny che nel finale sono state costrette ad alzare bandiera bianca chiudendo la competizione con 38 punti.

La magica giornata della formazione orobica ha visto protagonista anche Miriam Vece che è salita sul gradino più basso del podio nei 500 metri femminili.

Complice l’assenza della campionessa mondiale Lea Friedrich, la 23enne di Romanengo ha provato a metter a segno il colpaccio, fermando il cronometro in 33”769.

L’exploit della russe Daria Shmeleva (32”720) e Anastasia Voinova (33”719) ha costretto la cremasca ad accontentarsi del bronzo, confermando così il proprio percorso di crescita.

In campo maschile terza piazza a sorpresa per Stefano Moro che, in compagnia di Francesco Lamon, ha conquistato nell’americana la seconda medaglia della trasferta bulgara.

Particolarmente attivi nelle prime fasi di gara, il 23enne di Fontanella e l’ex alfiere del Team Colpack-Ballan hanno pagato una flessione a metà percorso che ha rischiato di costare cara considerato il ritorno di nazioni come Russia e Gran Bretagna, messa fuori gioco da una caduta.

Capaci di riprendersi nonostante la conquista del giro da parte dei portoghesi Ivo e Rui Oliveira, il tandem della Biesse Arvedi Premac ha messo in ghiaccio la propria posizione grazie al successo nel penultimo sprint.

I ragazzi di Marco Villa hanno quindi concluso la kermesse con 33 punti, lontani diciotto lunghezze dagli spagnoli Albert Torres Barcelo e Sebastian Mora Vedri che hanno preceduto la coppia lusitana.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.