Vegetazione stabilizzata: il must have per la felicità - BergamoNews
A cura di

Laboratorio Italiano Design

Laboratorio italiano design

Vegetazione stabilizzata: il must have per la felicità

Nuovo appuntamento con la rubrica di interior design, in collaborazione con Laboratorio Italiano Design di Bergamo

I molteplici effetti positivi che il vivere immersi nella natura regala sulla salute fisica e mentale sono ormai noti. Lo dimostrano gli innumerevoli studi relativi al ruolo della stessa sulla salute umana, oltre alla diffusione di giardini terapeutici: luoghi appositamente progettati per aiutare le persone nei processi di guarigione e  riabilitazione.

Se in passato i benefici del Verde erano di facile accesso – era sufficiente trascorrere parte del tempo passeggiando in un parco pubblico o nelle piste ciclopedonali che circondano la nostra città, nel giardino di casa o nell’orto; oggi con le limitazioni imposte risulta assai più complesso.

Complice il tanto tempo trascorso in casa e l’impossibilità di godere appieno della natura, il Verde: inteso come vegetazione stabilizzata, giardini verticali e piante, si è imposto prepotentemente nei nostri pensieri.

Se, come sostiene Richard Ryan, professore di psichiatria e psicologia presso l’Università di Rochester, “La natura è il carburante per l’anima” e se il contatto con essa migliora la concentrazione e la qualità del sonno, ha un effetto energizzante, riduce lo stress e aumenta le difese immunitarie, perché non godere di tali benefici ricreando un habitat naturale?

La vegetazione stabilizzata si è imposta come tipologia di arredo d’interni – abbellendo case, uffici, hotel –  in quanto sembra vegetazione viva ma non richiede né luce né irrigazione per rimanere costantemente verde.

L’associazione tra uno scienziato Svedese, un Francese ed un Italiano negli anni Ottanta, democratizza il progetto di verde stabilizzato rendono la Francia, in un primo momento, specialista in questo settore. Attualmente esistono svariati produttori in tutto il mondo e ciascuno di loro risulta essere competente nelle specie vegetali autoctone.

Le piante stabilizzate sono naturali ed ecologiche, risultato di un processo di conservazione dei vegetali che consiste nella sostituzione della linfa contenuta nelle foglie con un prodotto stabilizzato. In questo modo il risultato finale richiede una manutenzione pressoché inesistente; non sono necessarie terra, concime, acqua in quanto, essendo stabilizzate, non producono ossigeno e non assorbono anidride carbonica. Non richiedono luce in quanto non compiono la fotosintesi clorofilliana; volume e dimensione rimangono costanti. Le pareti vegetali migliorano la sensazione di spazio, smorzano e riducono il rumore ricreando un ambiente naturale e piacevole. Non sono soggette ad aggressioni climatiche dovute a sbalzi climatici e fenomeni atmosferici di qualsiasi genere e la loro capacità di sopravvivenza raggiunge circa i dieci anni.

Per far sì che la pianta duri nel tempo mantenendo la freschezza originaria è necessario attuare degli accorgimenti: come dicevamo, l’irrigazione è da evitare, così come la vaporizzazione e la pulizia con acqua; non bisogna esporla per un lungo periodo direttamente ai raggi solari, così come non va posizionata in prossimità di caloriferi e sistemi riscaldanti.

Tra i trend più in voga, impiegati da interior designer ed architetti per arredare spazi verticali di casa o creare decorazioni, vi sono muschio e licheni in quanto sono versatili, veloci e più economici rispetto ad altre opzioni.

Per rendere green alcuni spazi di casa, così come di uffici o hotel, il muschio stabilizzato, tendenzialmente, si applica sulle pareti. È disponibile in fogli da accostare ed apporre su un unico supporto a parete, ma è possibile trovarlo anche come quadro o come dettagli di arredi e complementi.

Complici le sue ottime caratteristiche, il muschio stabilizzato ben si sposa con ambienti umidi quali il bagno, ma creerà un’atmosfera suggestiva ricreando scenari forestali anche nei luoghi di passaggio quali corridoi e   scale.

Un’altra tipologia di impiego del muschio stabilizzato attuata dagli addetti ai lavori è la decorazione zen: dar vita ad un giardino d’interno stile feng shui accostando diversi tipi di muschio con altre piante, combinando anche sabbia, ghiaia, pietre, trasmetterà rilassatezza e sensazioni di benessere.

I green wall stabilizzati, oltre ad essere estremamente personali, sono elementi ad alto grado di personalizzazione al quale si possono integrare loghi e scritte. Vero must adottato da molte aziende per rimarcare il sodalizio tra esse e i valori riconducibili all’amore ed il rispetto per l’ambiente è accostare il proprio brand ad una parete stabilizzata.

Ricordiamo che si tratta di un prodotto artigianale, spesso assemblato su misura, quindi i prezzi vanno valutati in base alla lavorazione richiesta nell’insieme.

 

S.R.
Press Officer
Laboratorio Italiano Design

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it