Quantcast
Lockdown: contro la depressione il Belgio istituisce il "compagno di coccole" - BergamoNews
L'iniziativa

Lockdown: contro la depressione il Belgio istituisce il “compagno di coccole”

Il primo ministro Alexander De Croo ha istituito una figura che possa aiutare chi è solo o si sente particolarmente solo nel lockdown

Nel Belgio colpito al cuore, pesantemente, dalla pandemia, il primo ministro Alexander De Croo ha istituito una figura che possa aiutare chi è solo o si sente particolarmente solo nel lockdown: il compagno di coccole. Si tratta di un sostegno pensato per mantenere la salute mentale dei confinati.

“Il nostro Paese è in uno stato di emergenza – ha spiegato il ministro -, in molti ospedali le capacità sono già superate e per questo dobbiamo invertire la curva. L’unica risposta è tutelare il sistema sanitario e per farlo bisogna evitare il più possibile ogni contatto fisico”. Però… si può fare un’eccezione, legalmente accettata: “Ogni membro della famiglia ha diritto a un ‘compagno di coccole’ (knuffelcontact). Le famiglie possono invitarne a casa uno solo alla volta. Solo chi vile da solo può invitare una persona oltre al proprio contatto di coccole, non contemporaneamente”.

L’obiettivo è di evitare quanto l’Organizzazione Mondiale della Sanità aveva già affermato nel mese di marzo ovvero che nel 2020 la depressione sarebbe stato il disturbo mentale più diffuso al mondo e la seconda malattia più frequente dopo le malattie cardiovascolari. E l’isolamento sociale è un fattore di rischio non solo rispetto alla depressione e alle malattie mentali ma anche anche per malattie fisiche.

La questione non è limitata al contatto fisico ma proprio alla presenza dell’altro accanto a sé, altrimenti si potrebbe pensare che le persone meno espansive o che appartengono a culture in cui c’è una limitazione culturalmente determinata di abbracci, baci e contatti fisici, ne risentano di meno ma non è così.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
leggi anche
Marinoni coronavirus
L'intervista
L’Ordine dei medici chiede lockdown nazionale, Marinoni: “Ci mette in sicurezza”
chiuso sportello
Numeri allarmanti
L’Ordine dei medici chiede il lockdown nazionale
Scatta il coprifuoco, i controlli delle forze dell'ordine
L'invito
Circolare del Viminale ai prefetti: “Controlli serrati contro gli assembramenti”
cenone (Su licenza psycatgames.com)
Lo sguardo di beppe
Qualcuno ci salvi dal cenone di Natale
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI