BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Report sul Covid lombardo o gli orologi del diavolo? La tv del 9 novembre

Ecco il palinsesto delle reti televisive per la prima serata di lunedì 9 novembre

Per la prima serata in tv, lunedì 9 novembre su RaiTre alle 21.20 andrà in onda una nuova puntata di “Report”, il programma d’inchieste condotto da Sigfrido Ranucci.

Il primo reportage di stasera, dal titolo “Cosa abbiamo sbagliato?”, è realizzato da Emanuele Bellano con la collaborazione di Greta Orsi ed Eleonora Zocca. Un comunicato Rai spiega: “Con oltre 17.000 decessi su una popolazione di 10 milioni di abitanti la Lombardia è una delle aree del mondo in cui il nuovo coronavirus ha ucciso di più. Anche a causa di questo triste primato l’Italia rimane ancora oggi uno dei paesi d’Europa con più morti in relazione al numero di abitanti. Report ricostruisce con dati e documenti inediti la catena di eventi ed errori che hanno contribuito a generare questa situazione. Oggi nel pieno della seconda ondata di Covid19, possiamo chiederci se abbiamo imparato da quanto accaduto a febbraio e marzo scorsi. La Sardegna ad agosto è stata al centro di un ampio dibattito politico dopo che il presidente Solinas aveva chiuso e poi riaperto le discoteche in seguito a un’impennata di contagi provenienti dai locali notturni. Report ha ricostruito le pressioni e i condizionamenti che hanno agito sottotraccia e che hanno indotto la politica a correre seri rischi nella gestione dei contagi. E infine, come si sono comportati i paesi d’Europa in cui i contagi e i decessi si sono mantenuti bassi durante la prima ondata di Coronavirus?”.

Il programma di Sigfrido Ranucci, inoltre, mostrerà l’esito del sondaggio, realizzato con Bergamonews e InTwig tra i tifosi nerazzurri per capire se la partita di Champions League del 19 febbraio scorso possa avere involontariamente accelerato la diffusione del virus.

La seconda inchiesta, dal titolo “Il cavallo di Troia”, è di Lucina Paternesi con la collaborazione di Alessia Marzi. Un comunicato Rai anticipa: “Alla vigilia di un nuovo lockdown, l’Italia si scopre impreparata ad affrontare la seconda ondata della pandemia da Covid-19. Che fine ha fatto l’app di contact tracing voluta dal Governo e che avrebbe dovuto aiutarci a monitorare la diffusione del virus? A cinque mesi dalla sua adozione è stata scaricata da quasi 10 milioni di italiani, ma ha effettivamente funzionato? Dalle mani degli sviluppatori di Bending Spoons oggi l’app è passata in quelle dei tecnici del ministero dell’Innovazione e della Salute e di Sogei e PagoPA. Tra notifiche mancate, chiavi mai inserite nei server e lunghe attese telefoniche per capire che fare dopo l’arrivo dell’alert, a oggi soltanto poco più di duemila utenti hanno deciso di sbloccare il meccanismo. All’estero, nonostante i download siano stati maggiori, come in Germania, l’app è stata più utile? E perché Google e Apple stanno lavorando in autonomia affinché non servano più le interfacce nazionali e possano gestire da soli il sistema di notifiche di esposizione? Quali sono i veri dati che servirebbero ai nostri medici ed epidemiologi per bloccare sul nascere un focolaio e predire, con maggiore precisione, l’insorgere del virus in una determinata zona?”.

Il terzo servizio, intitolato “Bike shaming”, è firmato da Max Brod. Un comunciato Rai specifica: “Il vandalismo è da sempre nemico del bike sharing e, a differenza di quanto si può pensare, non è un problema solo italiano, ma globale. Nel nostro paese, nonostante questo ostacolo, in molte città il servizio funziona. A Roma il bike sharing è presente, ma non è mai veramente decollato e la Capitale rimane agli ultimi posti nella classifica per numero di bici in rapporto alla popolazione. Eppure una riforma che prevede il finanziamento delle biciclette condivise è in vigore dal 2014. Prevederebbe sia il finanziamento del bike sharing sia il riordino dei cartelloni pubblicitari. A distanza di sei anni, però, non è ancora diventata effettiva e a mettersi di traverso potrebbero essere state, con i loro ricorsi, proprio le ditte di pubblicitari. Intanto nella giungla della cartellonistica si infilano gli abusivi, che con i loro impianti non autorizzati riescono a fare business senza paura di multe o rimozioni”.

Su RaiUno alle 21.25 prenderà il via la fiction “Gli orologi del diavolo”. Verranno proposti due episodi: nel primo, Marco Merani, mago dei motori marini, ha una moglie e una figlia che ama e un lavoro che adora. Quando uno dei suoi migliori clienti viene assassinato, scopre che i gommoni che preparava per lui erano utilizzati per trasportare droga. Di lì a qualche giorno, due uomini si presentano al suo cantiere chiedendogli di proseguire con quel lavoro.
Nel secondo, Marco, complice la fiducia che Aurelio gli dimostra, accetta l’invito del suo amico poliziotto e diventa il primo infiltrato civile della storia. Le mille menzogne e i tanti spostamenti cui è costretto, creano una crescente tensione con sua moglie, suo padre e la sua famiglia. Per di più l’atteggiamento di Aurelio, che lo tratta quasi come un fratello, insospettisce il commissario Vexina.

Spazio all’attualità e alla politica su Rete4 alle 21.25 con “Quarta repubblica”.

Su Canale5 alle 21.30 l’appuntamento è con il “Grande Fratello Vip”, condotto da Alfonso Signorini.

Per chi preferisse vedere un film, su RaiDue alle 21.20 c’è “Kingsman Secret Service”; su Italia1 alle 21.10 “Fast & Furious 8”; su La5 alle 21.25 “Rosamunde Pilcher – La nebbia d’Irlanda”; su Iris alle 21 “John Q”; e su Italia2 alle 21.10 “Shadowhunters – Città di ossa”

Su Rai4 alle 21.25 andrà in onda una nuova puntata della serie “Il Trono di Spade”. Nel fantastico continente di Westeros, l’esercito proletario di Daenerys Targaryen affianca la famiglia Stark, sovrana del Nord, contro l’inarrestabile invasione dei non-morti. Seguirà lo scontro finale con i nemici di sempre, gli usurpatori Lannister.

Da segnalare, infine, su La7 alle 21.15 il telefilm “Grey’s anatomy”; su Rai5 alle 21.15 “Nessun dorma”; su La7D alle 21.30 il telefilm “Little Murders by Agatha Christie”; e su Mediaset Extra la diretta dalla casa del “Grande Fratello Vip”.

 

Questi sono i programmi previsti per stasera salvo variazioni dell’ultimo momento apportate dalle reti televisive.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.