BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

A Report i risultati dell’indagine su Atalanta-Valencia e la diffusione del Covid fotogallery video

Il programma di Sigfrido Ranucci mostrerà l'esito del sondaggio, realizzato con Bergamonews e InTwig tra i tifosi nerazzurri per capire se la partita di Champions League del 19 febbraio scorso possa avere involontariamente accelerato la diffusione del virus.

Cosa abbiamo sbagliato?” è il titolo di un servizio che la trasmissione Rai Report propone lunedì sera, 9 novembre (Rai3 dalle 21.20), dedicato al Covid in Lombardia. Realizzato da Emanuele Bellano con la collaborazione di Greta Orsi ed Eleonora Zocca, il servizio  ricostruisce, con dati e documenti inediti, la catena di eventi ed errori che hanno contribuito a generare questa situazione, e cioè il fatto che con oltre 17.000 decessi su una popolazione di 10 milioni di abitanti la Lombardia è una delle aree del mondo in cui il nuovo coronavirus ha ucciso di più.

Atalanta-report

Per il servizio il programma di Sigfrido Ranucci ha collaborato con Bergamonews e InTwig, in particolare attraverso un’indagine tra i tifosi nerazzurri per cercare di capire se la partita di Champions League Atalanta-Valencia del 19 febbraio scorso possa avere involontariamente accelerato la diffusione del virus.

Ricordiamo la data: il 19 febbraio, quando ancora eravamo ignari di quanto potesse succedere, si è giocata l’attesa partita che, per ragioni di omologazione dello stadio invece che a Bergamo si è svolta Milano.

Al sondaggio hanno risposto 3.402 bergamaschi che la sera del 19 febbraio erano presenti allo stadio.

I risultati dell’inchiesta sono chiari: oltre 1/5 dei tifosi intervistati (pari a 7.800-8.200 persone allo stadio) ha dichiarato di aver avuto sintomi entro le due settimane dall’evento. Una buona parte di questi ha poi effettuato un test, risultando positivo al Covid-19.

Report sondaggio Atalanta Valencia

Le analisi sembrano dunque confermare l’ipotesi che la partita di Champions League possa essere stata (non da sola ovviamente) un evento super-diffusore, consentendo al virus di contagiare migliaia di persone.

L’ipotesi più credibile è che i contagi siano avvenuti durante il viaggio da Bergamo a Milano, negli assembramenti pre partita e nei festeggiamenti per la vittoria. Quanto possa aver pesato lo spostamento di 36mila persone è chiaro anche dalle risposte degli intervistati: gran parte di questi si è mossa con pullman organizzati (19%) o in macchina con amici (67%), prendendo poi la metropolitana. Oggi sappiamo che questi contesti che ospitano una grande densità di soggetti che parlano ad alta voce, gridano e cantano sono terreno fertile per la trasmissione del Covid.

Un’ulteriore conferma dell’ipotesi, spiega Aldo Cristadoro di inTwig, è stata riscontrata dall’analisi dei dati forniti da Report sui biglietti venduti per comune. Lo studio evidenzia come la gran parte dei tifosi fosse concentrata nell’aera urbana di Bergamo e nelle valli e fossero invece relativamente meno presenti in tutta la fascia sud della provincia.

Integrando queste analisi con quelle precedenti sulla mortalità è possibile ipotizzare che la partita abbia permesso la diffusione da paesi come Nembro e Alzano (1.200 tifosi presenti) all’area urbana di Bergamo e alla Val Brembana, risparmiando zone come l’ambito di Treviglio e Romano di Lombardia – situate a sud della provincia – in cui la concentrazione di tifosi era al di sotto della media. Ricordiamo però che altri studi dicono che già prima, a fine gennaio nell’ospedale di Alzano erano stati ricoverati pazienti con forti polmoniti, poi riconducibili a Coronavirus.

Report sondaggio Atalanta Valencia

 

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.