Zone arancioni in Lombardia, Speranza: "Ipotesi prevista, ci guideranno i dati" - BergamoNews
Covid-19

Zone arancioni in Lombardia, Speranza: “Ipotesi prevista, ci guideranno i dati”

Dopo le richieste dei sindaci di Bergamo, Brescia, Cremona e Mantova di attenuare le restrizioni sui territori meno colpiti

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, apre a un possibile ridisegno dello scenario delle norme emergenziali in Lombardia. Passare a misure più leggere in alcune zone della regione “è un’ipotesi che è prevista già dalle norme vigenti. Chiaramente va analizzato il quadro epidemiologico, cioè va fatto sulla base di dati concreti” ha detto sabato sera a ‘Stasera Italia Weekend’, su Rete4.

Sulla richiesta di Bergamo, Brescia, Cremona e Mantova di adottare misure meno rigide rispetto al resto della Lombardia “è un’ipotesi che può essere valutata, sono i dati che ci indicano come stanno i singoli territori e su questo noi procediamo – ha aggiunto Speranza -. Questi numeri non sono poi fermi per sempre, mi aspetto anzi che le regioni rosse, grazie alle misure che mettiamo in campo, dopo un certo tempo torneranno ad essere arancioni e semmai anche gialle. Così come realtà leggere possono peggiorare. Questa non è la fotografia di sempre – ha concluso -. L’importante è che siano i parametri scientifici a guidarci”.

leggi anche
  • L'appello
    Bergamo, Brescia, Mantova e Cremona: “Niente zona rossa se i contagi sono bassi”
  • Bergamo
    Covid, la Regione all’ospedale Papa Giovanni: “Raddoppiare i posti letto”
  • Emergenza covid
    In Lombardia altri 38mila tamponi e 6.300 contagi, 123 a Bergamo
  • Numeri allarmanti
    L’Ordine dei medici chiede il lockdown nazionale
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it