Quantcast
"Io, medico sopravvissuto al Covid, ai negazionisti dico: giocate col fuoco" - BergamoNews
La testimonianza

“Io, medico sopravvissuto al Covid, ai negazionisti dico: giocate col fuoco”

Pietro Poidomani, 66 anni, medico di famiglia a Cividate al Piano, è stato uno dei primi a provare l'esperienza della malattia

L’autoscatto dal letto d’ospedale parla da solo: Pietro Poidomani, 66 anni, medico di famiglia a Cividate al Piano, è stato uno dei primi a provare l’esperienza devastante del Covid. Forse il primo medico della Bergamasca.

I primi sintomi li ha accusati il 28 febbraio. Qualche linea di febbre e una tosse molto profonda, diversa dalle solite. Quattro giorni dopo è in isolamento, sotto ossigeno all’ospedale di Romano. Il tampone non mente: positivo. Le lastre nemmeno: in corso c’è una polmonite interstiziale.

Da allora sono passati otto mesi. Lui dal virus è guarito, altri suoi colleghi no. È bene ricordarne i nomi: Mario Giovita, 65 anni; Antonino Buttafuoco, 66; Vincenzo Leone, 65; Carlo Alberto Passera, 62; Michele Lauriola, 67; Pietro Bellini, 69; Giambattista Perego, 62. Tutti caduti durante la prima ondata, portati via dalla malattia quando i dispositivi di protezione erano ancora un miraggio.

Otto mesi, appunto. Non un’eternità. Eppure, c’è chi sembra avere dimenticato un po’ troppo frettolosamente le scene viste in primavera. Soprattutto a Bergamo, dove in quei mesi era persino difficile comprendere quale fosse il confine tra il vivere e il morire.

Nelle piazze e per le strade, l’onda del malcontento è sempre più spesso cavalcata da chi minimizza la malattia: negazionisti e cospirazionisti. Tant’è che in alcuni cortei togliersi la mascherina (o il non indossarla affatto) è diventato un invito. Un atto di ribellione, non un fattore di rischio.

“Ci sono due frasi che ripeto sempre – commenta il dottor Poidomani -. La prima è ‘Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno’. La seconda è che se l’incendio finora li ha evitati, giocano sempre col fuoco. E chi gioca col fuoco prima o poi rischia di scottarsi”. Ai negazionisti “consiglio solo di aprire un libro di storia. Capirebbero subito che le pandemie non sono frutto della fantasia – aggiunge – e che se riusciamo a contrastare il Covid è solo per merito della scienza, delle terapie e delle tecnologie che lo consentono”.

Otto mesi dopo, la geografia del contagio in provincia è cambiata. Il territorio maggiormente sotto pressione, ora, è proprio la Bassa Bergamasca, dove il dottor Poidomani esercita da 35 anni. Un territorio che per logistica e attività lavorative ha molti contatti con il Milanese, dove venerdì si è superata la soglia dei 4 mila contagi.

Nella ‘sua’ Cividate i casi segnalati dall’inizio della seconda ondata sono 5, come si apprende dai frequenti aggiornamenti del sindaco Gianni Forlani. Il primo cittadino, sui social, invita tutti alla prudenza e condivide “l’emblematica” confidenza (così la definisce) di una persona positiva al Covid: “Pensavo non fosse vero. Ero fra quelli che non credevano al virus, ma adesso mi sono ricreduto” riporta il sindaco. Meglio tardi che mai, direbbe qualcuno.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Ospedale Treviglio
Emergenza covid-19
Ospedali di Treviglio e Romano, 30 positivi tra medici e infermieri
Covid
Il punto
Bergamo, stabile la media dei positivi: 230 al giorno, l’11,5% dei tamponi
dati 6 novembre
I dati
Covid, in Lombardia 9.934 nuovi positivi e 131 decessi: a Bergamo 362 casi
ospedale fiera covid coronavirus infermieri
Il bollettino
Covid, in Italia 37.809 casi e 446 vittime: 124 nuovi ricoveri in terapia intensiva
treviglio
Il lutto
Treviglio, muore a 52 anni il comandante della Polizia locale Antonio Nocera
conte
Il documento
Lockdown, le domande più frequenti: sulle misure adottate risponde il Governo
Generico novembre 2020
I dati
Covid 19, a Bergamo i contagi delle ultime 24 ore sono 382
Marchesi Pg23
Gianmariano marchesi
Medico in pensione torna in prima linea contro il Covid: “Ora siamo più preparati”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI