Denunce da infortunio sul lavoro da Covid: a Bergamo le donne le più colpite - BergamoNews
I dati inail

Denunce da infortunio sul lavoro da Covid: a Bergamo le donne le più colpite

Le tre provincie con il 60% delle denunce e una mortalità del 66% sono le più interessate. I settori più colpiti sono la sanità e l’assistenza sociale e le professioni ad esse collegate, con il 78 % delle denunce (quasi 15.000 lavoratori in Lombardia).

“I numeri ci dicono come la pandemia abbia colpito duramente il territorio lombardo nei mesi passati, e che purtroppo ancora oggi ci troviamo a dover gestire una nuova emergenza anche se con più consapevolezza”.

Lo afferma Danilo Mazzola, segretario territoriale Cisl Bergamo, legge i dati Inail relativi agli infortuni sul lavoro legati al Covid, aggiornati alla fine di settembre, dai quali emerge come le donne siano le più colpite ed esposte al contagio, essendo anche le più impegnate nei settori a rischio. Il tasso di mortalità nella provincia di Bergamo è stato il più alto della Lombardia con una incidenza del 28%, mentre per quanto riguarda le denunce da infortunio Bergamo e terza dopo Milano e Brescia.

Le tre provincie con il 60% delle denunce e una mortalità del 66% sono le più interessate. I settori più colpiti sono la sanità e l’assistenza sociale e le professioni ad esse collegate, con il 78 % delle denunce (quasi 15.000 lavoratori in Lombardia).

“L’importanza dell’essere vicini alle persone, mai come in questo momento diviene essenziale, viste anche le conseguenze che la malattia può aver lasciato sotto il profilo fisico e psicologico – conclude Mazzola -. Oggi la nostra azione sindacale vede come priorità la salute e la sicurezza delle persone nei luoghi di lavoro. Solo così usciremo da un momento così difficile con responsabilità e sicuri di aver fatto tutto quello che era nella nostra disponibilità”.


leggi anche
  • Il punto
    Bergamo, stabile la media dei positivi: 230 al giorno, l’11,5% dei tamponi
    Covid
  • I dati
    Covid, in Lombardia 9.934 nuovi positivi e 131 decessi: a Bergamo 362 casi
    dati 6 novembre
  • Il bollettino
    Covid, in Italia 37.809 casi e 446 vittime: 124 nuovi ricoveri in terapia intensiva
    ospedale fiera covid coronavirus infermieri
  • Da donna a donna
    Pelle e mascherina: una convivenza possibile e doverosa
    mascherina donna (Foto Engin Akyurt da Pexels)
  • Bergamo
    Primo giorno del nuovo lockdown, tanta gente in giro e commercianti che provano a reagire
    Bergamo, primo giorno del nuovo lockdown
  • Il documento
    Lockdown, le domande più frequenti: sulle misure adottate risponde il Governo
    conte
  • Camera di commercio
    A Bergamo calano i giovani neet: senza lavoro o inattivi
    Giovani Romano
  • Covo e antegnate
    Spacciatori inseguiti ed arrestati dai carabinieri in elicottero
    elicottero dei carabinieri
  • I dati nazionali
    Coronavirus, sono 39.811 i nuovi positivi nelle ultime 24 ore in Italia: 425 i morti
    ospedale fiera covid coronavirus infermieri
  • L'analisi
    Lombardia zona rossa: fermi 473mila lavoratori, il 10% degli addetti dell’impresa privata
    Bar foto di Liam Martens per Unsplash
  • A osio sotto
    Accende un fuoco per riscaldarsi: operaio di 44 anni ustionato a viso e gambe
    Ambulanza nostra
  • L'intervista
    Scaglia: “A Bergamo troppe le giovani donne che non studiano e non lavorano”
    Scaglia (foto di Robert Nickson da Pexels)
  • La testimonianza
    Disoccupata, due figli: “Per la prima volta ho dovuto chiedere aiuto al Comune”
    Donna triste (Foto Kristina Tripkovic)
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it