BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Fontana: “Non sono contrario alla Lombardia zona rossa, ma voglio i dati”

"L'elaborazione dei dati non la facciamo noi, la fa il Cts e non li hanno ancora valutati. Li hanno in mano da martedì e vengono convocati sabato mattina per valutarli. È questa la cosa di cui mi lamento"

“Io non ho detto che non volevo accettare la zona rossa, tutte le settimane si fanno valutazioni (dei dati) e io pretendevo che venisse fatta la valutazione anche di questa settimana. Poi se siamo in un momento drammatico, da zona rossa è giusto che si stia in zona rossa”. Lo ha detto venerdì mattina a Radio Anch’io su Rai Radio 1 il presidente della Regione Attilio Fontana.

“Purtroppo – ha spiegato – la situazione che a marzo era concentrata su Bergamo adesso si è concentrata su Milano. E su Milano, che è una grande area urbana, la situazione è ancora grave come forse quella di marzo”.

“Io – ha proseguito – voglio vedere i dati degli ultimi 10 giorni, non li ho visti e non li ho potuti esaminare. Li valuterei per vedere se ci sono stati dei miglioramenti che secondo me ci sono stati. L’elaborazione dei dati non la facciamo noi, la fa il Cts e non li hanno ancora valutati. Li hanno in mano da martedì e vengono convocati sabato mattina per valutarli. È questa la cosa di cui mi lamento. Avrei voluto almeno una risposta dall’elaborazione dei dati che sono nelle mani del Cts da martedì mattina, perché le Regioni li hanno consegnati martedì”.

“Non sono i dati di un giorno che contano – ha sottolineato il presidente -, ma almeno quelli di una settimana. Io credo che si debba rispetto a chi ha fatto dei sacrifici negli ultimi 10 giorni. L’ordinanza della Regione Lombardia ha posto dei limiti ai nostri cittadini e credo che fosse doveroso tenerne conto. Poi io accetto ci si metta in zona rossa e che si applichino queste ulteriori restrizioni, ma pretendo che si valuti tutto quello che abbiamo fatto. Voglio poter dire ai miei cittadini, abbiamo fatto uno sforzo e non è bastato oppure grazie, è stato sufficiente”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da massimiliano

    No ma davvero. Basta si dimettano tutti questi ipocriti che governano la Lombardia. 20 anni di destra che ha demolito la sanità pubblica e adesso il problema sono gli altri. Quali dati vuole ancora questo politicante. Basta guardare gli ospedali e le code per fare il tampone. Basta facciano almeno silenzio . Hanno rovinato la Lombardia.

  2. Scritto da Ivan69

    Se è così sereno ad affermare che a Marzo il problema era Bergamo e ora è Milano, perchè si continua a sbagliare o a Non fare dei lockdown a zone?