Addizionale Irpef, dal Comune di Bergamo 200 mila euro alle famiglie in difficoltà - BergamoNews
I contributi

Addizionale Irpef, dal Comune di Bergamo 200 mila euro alle famiglie in difficoltà

Molti più fondi, una fascia di contribuenti in più, contributi raddoppiati per ogni famiglia

Duecentomila euro dal Comune di Bergamo per dare un contributo ai nuclei familiari della città in difficoltà, in base a parametri Isee, per far fronte all’addizionale Irpef, ma non solo.

Palazzo Frizzoni allarga così, in modo molto cospicuo, la platea di possibili beneficiari: molti più fondi, una fascia di contribuenti in più, contributi raddoppiati per ogni famiglia, cosa che consente di esentare molte famiglie dall’addizionale comunale Irpef per il 2020.

“Puntiamo – spiega il viceSindaco e Assessore al bilancio Sergio Gandi – ad aiutare molte più persone e in modo molto più significativo: speriamo di riuscire spendere tutto quel che abbiamo messo a disposizione, molto dipenderà da quante domande riceveremo nelle prossime settimane. Spero che siano molte: consideriamo che storicamente il contributo Irpef vedeva beneficiarie un centinaio di famiglie, con una spesa di circa 15mila euro l’anno. Quest’anno i fondi sono 13 volte tanto. L’iniziativa, che nasce su impulso di un emendamento della maggioranza del Consiglio Comunale, ha visto il coinvolgimento delle organizzazioni sindacali, che hanno reputato utile questa nuova modalità di erogazione”.

Lo scorso anno, infatti, il Comune di Bergamo ha previsto un contributo su due fasce di contribuenti, tra i 15 e i 19 mila euro con contributi tra 50 euro e al massimo 140 euro.

La situazione cambia radicalmente nel 2020. Quest’anno i contributi previsti dall’Amministrazione Gori, infatti, raddoppiano: 200 euro se nel nucleo familiare è presente un figlio minore a carico, 240 euro se i figli minori a carico sono due, 280 euro se i figli minori sono tre o più di tre per la prima fascia; raddoppiano i contributi a famiglia 100 euro, 120 euro, 140 euro anche per la seconda fascia, che va da 15.000 a 18.500 euro di indicatore Isee.

Esiste una nuova fascia da quest’anno: se l’indicatore Isee è compreso tra 18.501 e 22.000 euro il contributo sarà di 50 euro se nel nucleo familiare è presente un figlio minore a carico, 60 euro se i figli minori a carico sono due, 70 euro se i figli minori sono tre o più di tre.

Si considerano i figli minori che negli archivi anagrafici risultano nel nucleo familiare alla data del 31.12.2019. La domanda deve essere trasmessa attraverso lo sportello telematico entro il 30 novembre 2020. Tutte le informazioni sulla modalità di richiesta ed erogazione saranno disponibili sul sito del Comune di Bergamo nei prossimi giorni.

leggi anche
  • Con la zona rossa
    Bergamo: accesso più facile alle Ztl per chi fa consegne, prorogati i pass residenti
    Telecamere ztl città alta bergamo
  • Il contributo
    Emergenza Covid-19, il Comune di Bergamo pubblica il bando “Ristoro per la cultura”
    palazzo frizzoni
  • Sul sentierone
    Non sai crearti lo Spid? Lo fa a tutti in piazza il Comune di Bergamo
    spid
  • Le disposizioni
    Ordinanza del Comune di Bergamo: chiusura di bar e ristoranti alle 24
    Dehor a Bergamo
  • Dal comune di bergamo
    Buoni spesa, da oggi nuovamente attivi per i cittadini in difficoltà
    spesa
  • La bella iniziativa
    Componi la tua scatola di Natale da donare a chi è in difficoltà
    regalo natale ok
  • Solidarietà
    Rotary Food Box, il sostegno alimentare per le famiglie di Bergamo
    Rotary Food Box
  • Come rispondere
    Quali sono i bisogni delle famiglie di Bergamo post Covid? Il questionario del Comune
    Famiglia Pexels
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it