Commercianti in protesta: il corteo finisce in Città Alta, sotto casa del sindaco - BergamoNews
Giovedì sera

Commercianti in protesta: il corteo finisce in Città Alta, sotto casa del sindaco

All'incirca in 300 contro il Dpcm

Tutto è partito da un volantino circolato nel pomeriggio sui social network, con segnate una data, un orario e un luogo: giovedì 5 novembre, alle 21, in piazza Matteotti, davanti alla sede del Comune di Bergamo. Spiegato c’era pure il motivo: “Ci ritroviamo per protestare pacificamente contro questo assurdo Dpcm”. E un messaggio: “Noi non chiudiamo”.

Sono all’incirca 300 le persone che hanno raccolto l’invito, scese in piazza a manifestare il loro malcontento tra bandiere tricolori e al grido “libertà”. La maggior parte appartengono alle categorie economiche colpite dalle chiusure: titolari di Partite Iva, ristoratori, baristi, negozianti, ma anche semplici cittadini.

Verso le 22, il corteo si è spostato da Palafrizzoni. Ha imboccato viale Vittorio Emanuele ed è salito in Città Alta, spingendosi sin davanti all’abitazione del sindaco Giorgio Gori. Fuori le forze dell’ordine, in mezzo a striscioni, fumogeni e canti dell’inno di Mameli. Tra i 300, anche dei militanti di CasaPound. Una volta scattato il coprifuoco, la situazione è progressivamente rientrata.

leggi anche
  • L'appello
    Bergamo, Brescia, Mantova e Cremona: “Niente zona rossa se i contagi sono bassi”
  • Lombardia
    Fontana: “Non possiamo allentare le misure in alcune zone, non prima di 2 settimane”
  • L'interrogazione
    Benigni scrive a Conte e Speranza: “Bergamo sia esclusa dalla zona rossa lombarda”
  • L'approfondimento
    Lockdown in Lombardia: quali indicatori sono stati usati per definire la zona rossa
  • Le spiegazioni
    Lombardia zona rossa: cosa si può fare e chi resta aperto
  • Enrico ricci
    Zona rossa al via, il prefetto di Bergamo: “Forze dell’ordine in strada per informare e dissuadere”
  • Le reazioni
    Manifestanti sotto casa di Gori: “Atto provocatorio, varcato il limite del rispetto”
  • Opinioni
    “No intimidazioni, il nostro nemico è il virus, noi di Bergamo dobbiamo saperlo”
  • Il deputato c'era
    Ribolla alla protesta: “Solidale coi cittadini, ma non condivido il corteo dal sindaco”
  • Il colosso dei tubi
    Tenaris, i dati della trimestrale sopra ogni attesa: a sorpresa un dividendo
  • Bergamo
    Primo giorno del nuovo lockdown, tanta gente in giro e commercianti che provano a reagire
  • Consiglio comunale
    Gori ai leghisti: “Voi in un corteo non autorizzato giustificate la violenza”
  • Protesta pre lockdown
    Consiglieri Lega: “Noi presenti a manifestazione autorizzata dalla Questura”
  • Le indagini
    L’ombra dell’estrema destra sulla protesta sotto casa di Gori
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it