BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Provinciale 58, l’imprenditore al Presidente Gafforelli: “Speravo in una risposta più propositiva” fotogallery

Il cittadino che aveva sollevato il caso replica al Presidente della Provincia di Bergamo.

Un cittadino e imprenditore della Valle di Scalve aveva lanciato un appello dopo una frana sulla Provinciale 58 a Vilminore.

La Provincia di Bergamo, chiamata in causa, ha reperito dal proprio fondo di riserva i soldi necessari per intervenire sulla Provinciale 58. Nel comunicare lo stanziamento il Presidente Gafforelli (Leggi qui) aveva scritto: “Le polemiche sterili non servono a nulla, se non a sollevare polveroni e guadagnarsi un po’ di visibilità. L’operato dei politici e delle istituzioni va giudicato in base ai fatti, e i fatti dicono che nel giro di una settimana abbiamo reperito i fondi necessari e che i lavori partiranno. A chi dice che ci dobbiamo vergognare rispondo che come Provincia non abbiamo proprio nulla di cui vergognarci, e che non abbiamo ‘abbandonato’ a se stesso nessun territorio”.

Il cittadino che aveva sollevato il caso replica al Presidente della Provincia.

Buonasera,
Vorrei rilasciare una nota in merito a quanto dichiarato dal presidente della Provincia Gafforelli mercoledì 4 novembre e pubblicato da Bergamonews.
Il Presidente, in merito anche alla mia lamentala di lunedì 2 novembre pubblicata anche da voi, parla di polemiche sterili per sollevare polveroni e attirare visibilità. Innanzitutto io non sono un politico e non ho velleità politiche quindi non ho bisogno di visibilità a differenza di chi fa questo di mestiere. Sono invece un imprenditore metalmeccanico che ha l’obbligo di salvaguardare i posti di lavoro dei suoi dipendenti, essere al servizio dei propri clienti garantendo consegne celeri e certe che per forza devono passare dalla suddetta strada. Ma soprattutto sono un cittadino della Val di Scalve che denuncerà sempre le criticità del luogo in cui vive. Inoltre, la mia lettera di denuncia era anche perché, due anni fa ho fatto presente personalmente al Presidente queste problematiche della strada e non ho visto riscontri da parte dell’Ente finché non si è verificata un’altra frana.
Speravo in una risposta più propositiva, di pianificazione di interventi mirati per mettere in sicurezza la strada e non solamente un attacco a chi fa presente delle concrete difficoltà del vivere in montagna.

Cordiali saluti,
Ottavio Duci

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.