Omicidio di Seriate, i colleghi della prof: "Gianna e Antonio coppia felice" - BergamoNews
Il processo

Omicidio di Seriate, i colleghi della prof: “Gianna e Antonio coppia felice”

In aula i docenti hanno parlato del "carattere buono e disponibile" della donna, ma anche di quello del marito

Nuova udienza del processo per l’omicidio di Gianna Del Gaudio, uccisa a 63 anni nella villetta di piazza Madonna della Nevi nella notte tra il 26 e il 27 agosto 2016. Unico imputato il marito Antonio Tizzani, 72 anni, accusato di omicidio volontario.

leggi anche
  • L'udienza
    Omicidio di Seriate, Tizzani in aula: “Gianna a terra e io in giardino a chiedermi perchè”

Giovedì di fronte alla Corte presieduta dal giudice Giovanni Petillo sono comparsi una serie di ex colleghi della donna, che fino a un anno prima della morte aveva insegnato all’istituto Rubini di Romano di Lombardia.

I docenti hanno parlato del “carattere buono e disponibile” di Gianna, ma anche di quello del marito, con i quali erano diventati amici e spesso prendevano parte a cene. Tutti hanno descritto i due come “una coppia felice e senza particolari problemi”.

leggi anche
  • Omicidio di seriate
    Processo Tizzani: le contraddizioni di figlio e nuora, per il pm “falsa testimonianza”

La 63enne a volte parlava ai colleghi “della gelosia del marito e diceva che le faceva piacere poiché la considerava una dimostrazione di interesse”.

Anche la dottoressa Lara Facoetti, medico di base a Seriate, ha confermato la versione, spiegando di “non aver mai visto lividi sul corpo di Gianna”.

leggi anche
  • L'udienza
    Delitto di Seriate, lo sfogo di Tizzani col figlio: ma al processo lui lo difende
  • Il processo
    Omicidio di Seriate, la colf a casa Tizzani: “Scappai perchè avevo paura di lui”
  • L'audio
    Omicidio di Seriate, ascolta la chiamata di Tizzani al 118: “Correte, hanno ucciso mia moglie”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it