Quantcast
Benigni scrive a Conte e Speranza: "Bergamo sia esclusa dalla zona rossa lombarda" - BergamoNews
L'interrogazione

Benigni scrive a Conte e Speranza: “Bergamo sia esclusa dalla zona rossa lombarda”

Le richieste del parlamentare bergamasco di Cambiamo!: "I dati epidemiologici mostrano differenze tra i diversi territori della regione per cui si rischia di penalizzare ingiustamente aree che non vivono particolari criticità".

Un’interrogazione scritta, per chiedere la possibilità che Bergamo e la sua provincia vengano escluse dalla zona rossa nella quale è stata inserita la Lombardia in base alle valutazioni dell’ultimo Dpcm che entrerà in vigore da venerdì 6 novembre.

A presentarla al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al ministro della Salute Roberto Speranza è stato il parlamentare bergamasco di Cambiamo! Stefano Benigni, che ha argomentato la richiesta partendo dai dati epidemiologici dell’ultimo periodo.

“L’identificazione dell’intera Regione Lombardia come ‘zona rossa’ è un errore macroscopico – sottolinea -. I dati epidemiologici mostrano infatti differenze, spesso marcate, tra i diversi territori della regione per cui, se da un lato sono comprensibili l’attenzione e la prudenza per la situazione di alcune province, dall’altro si rischia di penalizzare ingiustamente aree che non vivono particolari criticità. Questo è il caso della provincia di Bergamo, tra le più colpite dalla prima ondata Covid, che oggi non desta allarmi tali da giustificare il lockdown, a maggior ragione vista la presenza dell’ospedale allestito nella Fiera”.

“Le nuove limitazioni – prosegue – metteranno in ginocchio un’economia che è già duramente provata. Per questo ho depositato un’interrogazione e inviato una lettera al Ministro Speranza chiedendo la classificazione della provincia di Bergamo in un diverso livello di rischio nonché la modifica del sistema stesso di classificazione dei territori per far sì che ogni decisione avvenga di concerto tra il Ministro della Salute e i Presidenti di Regione. Lancio un appello a tutti i parlamentari bergamaschi e ai consiglieri regionali affinché si impegnino per ottenere l’esclusione della provincia dalla zona rossa”.

Scrivendo a Conte e Speranza, Benigni ha chiesto che gli stessi si attivino di concerto con il presidente della Regione Lombardia al fine di “valutare compiutamente le reali condizioni sanitarie del territorio della Provincia di Bergamo, predisponendo a stretto giro misure proporzionate ed adeguate alle effettive esigenze di salvaguardia della popolazione”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Scatta il coprifuoco, i controlli delle forze dell'ordine
Le spiegazioni
Lombardia zona rossa: cosa si può fare e chi resta aperto
misiani fontana
La risposta
Misiani: “Da Fontana dichiarazioni irresponsabili, visti i dati è suo lo schiaffo ai lombardi”
Fontana mascherine
Il presidente della regione
Fontana: “Atteggiamento di Conte grave, schiaffo in faccia ai lombardi”
Paolo Franco
L'appello
Franco ai consiglieri bergamaschi di maggioranza: “Ci penalizza, impugniamo il Dpcm”
Fontana mascherine
Lombardia
Fontana: “Non possiamo allentare le misure in alcune zone, non prima di 2 settimane”
Coronavirus Areu
L'appello
Bergamo, Brescia, Mantova e Cremona: “Niente zona rossa se i contagi sono bassi”
corteo dpcm manifestazione
Giovedì sera
Commercianti in protesta: il corteo finisce in Città Alta, sotto casa del sindaco
Stefano Benigni
L'intervento
Benigni (Cambiamo!) sulla crisi di Governo: “Non possiamo permettercelo, altre le priorità”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI