Covid, in Italia 30.550 nuovi casi su 211.831 tamponi: 352 i morti - BergamoNews
Il bollettino

Covid, in Italia 30.550 nuovi casi su 211.831 tamponi: 352 i morti

Nelle ultime 24 ore sono 67 i nuovi ingressi nelle terapie intensive, oltre mille i ricoveri in area medica: più di 5.100 i guariti/dimessi.

Sono 30.550 i nuovi casi Covid riscontrati in Italia mercoledì 4 novembre: è questo il risultato dei 211.831 tamponi processati.

Dopo i 353 decessi di martedì, mercoledì il dato è praticamente identico: 352. Sono invece 5.103 i pazienti guariti/dimessi.

Martedì su 182.287 tamponi ne erano risultati positivi 28.244.

Come sottolineato da Giovanni Rezza, direttore generale Prevenzione del ministero della Salute, nelle ultime tre settimane il trend è in aumento, ma negli ultimi giorni si sta notando una certa stabilizzazione: mercoledì sono 67 i nuovi ricoveri in terapia intensiva e oltre mille in area medica.

La Lombardia è ancora la Regione col maggior numero di contagi, 7.758 di cui 3.613 a Milano: a Bergamo sono 240 nelle ultime 24 ore. Nelle grandi città spiccano i dati di Torino (2.251), Napoli (1.891) e Roma (1.873).

Più informazioni
leggi anche
  • Per gli spostamenti
    Autocertificazione Covid, scarica qui il modello da compilare
    autocertificazione ottobre ok
  • Il presidente della regione
    Fontana: “Atteggiamento di Conte grave, schiaffo in faccia ai lombardi”
    Fontana mascherine
  • Il rettore
    Unibg, lezioni e lauree a distanza: “Fondi per sostenere economicamente gli studenti”
    Remo Morzenti
  • Bergamo
    Dopo solo due sedute in presenza, il Consiglio Comunale torna a distanza
    Il Consiglio Comunale ai tempi del Covid-19
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it