Conte: Lombardia zona rossa, vietato muoversi anche all’interno del proprio comune - BergamoNews
Da venerdì

Conte: Lombardia zona rossa, vietato muoversi anche all’interno del proprio comune

"Tutte le nuove misure previste dall'ultimo Dpcm - quelle riservate alle aree gialle, arancioni e rosse - saranno in vigore a partire da venerdì 6 novembre fino al 3 dicembre".

“Rispetto alle persone contagiate sale il numero degli asintomatici, diminuisce in percentuale il numero di persone ricoverate ma c’è l’alta probabilità che molte regioni superino le soglie delle terapie intensive e mediche”, ha detto il premier Giuseppe Conte nella conferenza stampa serale di mercoledì 4 novembre in cui ha illustrato le misure del nuovo dpcm.

“Se introducessimo misure uniche in tutta italia produrremmo un duplice effetto negativo, non adottare misure veramente efficaci dove c’è maggior rischio e imporremo misure irragionevolmente restrittive dove la situazione è meno grave. Per questo motivo abbiamo deciso di dividere l’Italia in tre zone gialla, arancione e rossa a seconda della gravità”. Sono le parole di Giuseppe Conte, presidente del Consiglio che è intervenuto mercoledì sera, 4 novembre, per annunciare le nuove misure del Dpcm che entreranno in vigore da venerdì 6 novembre fino al 3 dicembre.  “Lo abbiamo deciso il governo per consentire a tutti di disporre del tempo utile per organizzare le proprie attività”. “Non ci sono aree verdi, la pandemia è ovunque” ha proseguito il presidente del Consiglio.

“Dal 19 al 25 ottobre il numero di casi quasi raddoppiato rispetto alla settimana precedente. Sale il numero asintomatici e diminuisce il numero di chi va in terapia intensiva – ha sottolineato Conte -. Oggi disponiamo di un piano di monitoraggio molto articolato che di basa su 21 parametri”.

“L’autocertificazione è collegata ai divieti. Nelle zone rosse quando si esce di casa va l’autocertificazione, così come tra Regioni e Comuni”, ha spiegato il presidente del Consiglio.
Scarica qui l’autocertificazione. 

Area Gialla, criticità bassa

Abruzzo, Basilica, Campania, Emilia Romagna, Friuli, Lazio, Liguria, Toscana, Molise, Marche, Sardegna e Friuli Venezia Giulia.
In queste Regioni vigono le misure restrittive più “morbide” previste dal Dpcm. In ristoranti e i bar sono aperti fino alle 18, i negozi restano aperti fino a orario di chiusura. I centri commerciali sono chiusi nei weekend. È possibile spostarsi all’interno della Regione e da una Regione gialla all’altra.

Area Arancione, criticità medio alta

Puglia e Sicilia
I ristoranti e e bar restano chiusi per tutta la giornata. I negozi restano aperti. La Dad è prevista solo alle superiori. La circolazione all’interno di un Comune è permessa ma non lo è abbandonare il proprio Comune di residenza, domicilio o abitazione. È vietato entrare o uscire dalla Regione.

Area Rossa, criticità alta

Lombardia, Calabria, Piemonte e Valle d’Aosta. Le misure entreranno in vigore da venerdì 6 novembre.
L’uscita di casa va motivata, sono chiusi bar, ristoranti, negozi, la Dad è prevista dalla seconda media in poi. È vietato spostarsi da un Comune all’altro, nonché uscire od entrare nella Regione. Torna l’autocertificazione anche per gli spostamenti all’interno di una città.

ECCO CHE COSA SI PUO’ FARE IN LOMBARDIA

  • vietato ogni spostamento anche all’interno del proprio comune (salvo necessità lavorativa o urgenza);
  • vietati gli spostamenti tra Comuni e tra Regioni;
  • chiusi bar ristoranti ecc.. 7 giorni su 7;
  • asporto si, fino alle 22,00;
  • sì al domicilio senza restrizioni;
  • chiusi negozi tranne supermercati beni alimentari e necessità;
  • aperte edicole, tabacchi, farmacie, lavanderie, parrucchieri;
  • chiusi i centri estetici;
  • didattica a distanza dalla seconda media (Università compresa);
  • stop competizioni sportive salvo quelle di carattere internazionale e nazionale;
  • si attività motoria nei pressi della propria abitazione;
  • chiusi musei, cinema, sale slot, palestre ecc.
  • mezzi pubblici al 50%.

FONTANA: INACETTABILE, DATI DI DIECI GIORNI FA PER LA ZONA ROSSA

“Facciamo chiarezza. È entrato in vigore il nuovo DPCM che regolamenta le azioni per il contenimento del Covid, territorio per territorio, sulla base di 21 indicatori tecnici analizzati dal Comitato Tecnico Scientifico nazionale”. Inizia così il post pubblicato sulla sua pagina Facebook dal presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana.

“Ora – specifica il governatore – è un’ordinanza del Ministero della Salute, non dell’Amministrazione regionale, che, sempre sulla base della valutazione dei dati da parte del CTS, deve stabilire in quale Fascia si trovi ogni Regione: Gialla, Arancione o Rossa, con i conseguenti diversi livelli restrittivi”.

“Fino a questo momento – chiarisce Fontana – non ci è stato comunicato niente dal Governo e non sappiamo in quale ‘Fascia’ la Lombardia si collochi. Da nostre informazioni, l’ultima
valutazione della Cabina di Monitoraggio del CTS con l’analisi dei 21 parametri risale a circa 10 giorni fa. Ciò è inaccettabile”.

“Le valutazioni – aggiunge il presidente della Regione – devono essere fatte sulla base di dati aggiornati ad oggi, tenendo conto delle restrizioni già adottate in Lombardia, dei sacrifici
già fatti dai lombardi in questi 10 giorni per contenere la diffusione del virus e dai quali registriamo un primo miglioramento. Sto insistendo perché, prima che si stabilisca dove la Lombardia si collochi, i dati devono essere aggiornati”.

COVID, GALLONE E FONTANA: “BERGAMO E PROVINCIA NON SIANO ZONA ROSSA”

“La regione Lombardia, che conta all’incirca dieci milioni di abitanti, e che verrà con ogni probabilità considerata zona rossa dal decreto del ministro della Sanità, non può essere trattata al pari di altre regioni che contano 400/500 mila abitanti – dichiarano i parlamentari bergamaschi di Forza Italia, Alessandra Gallone e Gregorio Fontana -. Per esempio, la provincia di Bergamo, circa 1,2 milioni di abitanti, sarebbe zona rossa solo perché fa parte della Lombardia, e non importa se il virus sul quel territorio è molto meno presente rispetto ad altre regioni che non saranno ricomprese nella zona rossa. E’ pertanto necessario differenziare i vari territori all’interno della vasta regione lombarda. La città di Bergamo e la sua provincia devono essere per l’appunto escluse dalla zona rossa, diversamente non solo si commetterebbe una grave e oggettiva ingiustizia ma si determinerebbero effetti disastrosi per un tessuto produttivo già molto provato e per l’economia del territorio e per i suoi abitanti. Auspichiamo che il ministro Speranza valuti attentamente la situazione e accolga questo nostro pressante invito fondato sull’evidenza dei dati epidemiologici”.

RIBOLLA, LEGA: MASCHERINE E DISTANZIAMENTO MA NON UCCIDETE L’ECONOMIA BERGAMASCA

“Nuovo possibile lockdown in Lombardia, mentre la curva dei contagi sta rallentando. Secondo il DPCM il Governo vorrebbe chiudere alcune Regioni, tra cui la Lombardia, vietando spostamenti (anche all’interno dello stesso Comune), chiudendo negozi, bar e ristoranti, oltre a palestre, locali, sale gioco, cinema e teatri. Dopo ovviamente ingenti investimenti da parte di tutte queste attività, che campano con il sudore del lavoro di persone e famiglie che dedicano a ciò anche 14 ore al giorno. Si prevedono, solo per la bergamasca, la perdita di oltre 31 mila posti di lavoro! Tutto ciò mentre i ristori tardano e sono briciole in confronto alle perdite (ve lo dice un commercialista) ed in confronto alle misure di ristoro prese dagli altri stati europei. Il Consiglio Regionale della Lombardia, ieri sera, all’unanimità ha respinto l’ipotesi del lockdown, ma il Governo sembra continuare per la sua strada. A me sembra totalmente insensato. Prudenza, mascherine, gel e distanziamento, ma non uccidete l’economia bergamasca” lo chiede l’onorevole Alberto Ribolla della Lega.
leggi anche
  • Per gli spostamenti
    Autocertificazione Covid, scarica qui il modello da compilare
    autocertificazione ottobre ok
  • Il presidente della regione
    Fontana: “Atteggiamento di Conte grave, schiaffo in faccia ai lombardi”
    Fontana mascherine
  • Il rettore
    Unibg, lezioni e lauree a distanza: “Fondi per sostenere economicamente gli studenti”
    Remo Morzenti
  • La risposta
    Misiani: “Da Fontana dichiarazioni irresponsabili, visti i dati è suo lo schiaffo ai lombardi”
    misiani fontana
  • Le spiegazioni
    Lombardia zona rossa: cosa si può fare e chi resta aperto
    Scatta il coprifuoco, i controlli delle forze dell'ordine
  • L'intervento
    La Storia insegna, nel cataclisma solo uniti si sopravvive: basta difese degli orticelli
    Coronavirus Areu
  • Confartigianato
    Zona rossa: “Assurda la chiusura dei centri estetici attrezzati e sicuri”
    estetista coronavirus
  • L'intervista
    L’Ordine dei medici chiede lockdown nazionale, Marinoni: “Ci mette in sicurezza”
    Marinoni coronavirus
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it