Quantcast
La disperazione di un imprenditore: "Chiedo al Governo solo chiarezza, stiamo morendo" - BergamoNews
L'appello

La disperazione di un imprenditore: “Chiedo al Governo solo chiarezza, stiamo morendo”

Antonio, ha 46 anni e con la moglie cinque anni fa ha creato un'azienda di pelletteria in provincia di Bergamo. Ha quattro figli minorenni.

C’è una disperazione che non scende in piazza. Non urla. Non si lamenta. Ma c’è, esiste. Ha la dignità di chi ha sempre creduto nello Stato, ha sempre pagato le tasse, è parte di un’associazione di categoria ma non protesta ad alta voce perché non vuole preoccupare i 4 figli minorenni che ancora studiano e sognano un futuro.

Chiama in redazione si presenta con discrezione. Il suo nome è Antonio, ha 46 anni e con la moglie cinque anni fa ha creato un’azienda di pelletteria in provincia di Bergamo.

“In azienda siamo io e mia moglie, acquistiamo le pelli e poi le facciamo lavorare a diversi artigiani, il prodotto finito per il 50% lo esportiamo negli Usa, l’altro 50% va a rivenditori nelle principali città italiane bersagliate dal turismo: Roma, Firenze e Venezia. Il 2019 abbiamo chiuso con un fatturato di 710 mila euro. Per ora con il 2020 siamo sotto dell’83 per cento…..”

La voce si ferma. Trattiene le lacrime.

“Mi scusi – riprende Antonio – è una giornata tristissima, ho chiamato i rivenditori, sono fermi che aspettano in silenzio. Dalle concerie agli artigiani fino a chi produce ed esporta siamo tutti fermi, stiamo aspettando che qualcuno ci dica qualcosa di serio”.

Di serio?
“Sì, sarebbe più serio se qualcuno ci dicesse: chiudete tutto. Non posso tirare a campare. Ho percepito 2000 euro ad aprile, utili nemmeno per pagare l’affitto per il capannone. Poi visto il lockdown e la frenata sulle esportazioni ci siamo dati da fare con le fiere dell’artigianato, ci siamo buttati sulle vendite on line, ci siamo presentati a catene e negozi, tutti campi nuovi per avere una valvola di sfogo e raccogliere un po’ di liquidità”.

Se potesse fare un appello al Governo Conte, che cosa chiederebbe?
“Io non voglio protestare, non reclamo nulla, non scendo in piazza, ma posso chiedere un po’ di chiarezza. Non mi interessano i partiti, mi serve una soluzione, una risposta chiara. Preferirei che il Governo mi dicesse: chiudi tutto, non ci sono più le condizioni. Ma non posso continuare a tirare a campare. Non posso farlo guardando a tavola i miei quattro figli. Chi fa l”imprenditore si assume il proprio rischio, ma qui è la chiarezza che sta mancando e ci sta strozzando tutti. Per favore lo scriva. Grazie”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Giuseppe Conte Dpcm
Entro mercoledì
Conte: misure restrittive diverse nelle regioni, non un lockdown nazionale
atb
Trasporti
Filt-Cgil: “Atb aprirà un periodo di cassa integrazione”
Ferdinando Uliano
Segretario nazionale fim
Covid, Uliano: “Il paradosso? Abbiamo reso più sicure le fabbriche degli ospedali”
operaio pmi
Rapporto cerved pmi 2020
Il Covid colpisce le Pmi in Bergamasca: fatturato in calo e possibili 31mila disoccupati
formenti
Formenti di medolago
Daniele e Stefano, giovani imprenditori e… una storia di ordinaria bergamaschità
Maria Elena Marco Giorgio Paris
La paris silvestro
Tre fratelli under 30 al timone dell’azienda nel nome del papà ucciso dal Covid
Maria Elena Marco Giorgio Paris
Dopo l’articolo di bgnews
Fontana videochiama i fratelli Paris: “Con lombardi come voi, non dobbiamo aver paura di niente”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI