Quantcast
Foppolo, gestione degli impianti (con riserva) al consorzio Piazzatorre-Belmont - BergamoNews
Il comprensorio

Foppolo, gestione degli impianti (con riserva) al consorzio Piazzatorre-Belmont

Mancano le ultime verifiche tecniche, ma sembra ormai fatta per la gestione delle seggiovie Quarta Baita e Montebello fino all'agosto 2021

Una necessaria continuità alla gestione degli impianti di sci, con l’obiettivo di uno skipass unico insieme a Carona. È  lo scenario che si sta delineando dopo l’esame della commissione del comune di Foppolo dell’offerta tecnica (venerdì 30 ottobre) e di quella economica (lunedì 2 novembre) per la gestione delle seggiovie del paese in alta Valle Brembana.

Gestione aggiudicata (con riserva, per le necessarie verifiche tecniche) al consorzio composto dalla Sacif di Marco Calvetti di Piazzatorre e dalla Belmont Foppolo (formata dalla Devil Peak di Giacomo Martignon). Accettata quindi l’offerta  – l’unica presentata alla gara per la gestione – da 70 mila euro (50 mila la base d’asta), che potranno diventare 140 mila se verrà applicato lo skipass unico nel comprensorio Foppolo-Carona. Offerta che riguarda la gestione delle seggiovie quadriposto Ronchi-Quarta Baita e Quarta Baita-Montebello durante la stagione invernale 2020/2021 e la stagione estiva 2021 (fino al 31 agosto).

“Mancano ancora le ultime verifiche, ma ormai ci siamo – assicura Calvetti -. La nostra idea è quella di costituire un consorzio no-profit per il rilancio di Foppolo, dove reinvestire i profitti derivanti dall’attività di gestione. Vorremmo aprire gli impianti di risalita sabato 5 dicembre, aspettiamo però di avere l’autorizzazione. Con il via libera definitivo inizieremo l’iter di controlli, collaudi e autorizzazioni ministeriali per poter aprire gli impianti nell’imminente stagione invernale. Dovremmo poi incrementare il numero di generatori mobili per poter garantire l’innevamento delle piste”.

“Siamo a disposizione per la creazione di una società no-profit” conferma Giacomo Martignon. Calvetti si occuperà dell’ambito tecnico relativo all’apertura degli impianti, mentre a Martignon è delegato l’ambito commerciale e di rilancio dell’immagine della stazione sciistica.

Lunedì 2 novembre è stato anche pubblicato dal tribunale di Bergamo l’avviso per l’assegnazione in affitto dei beni della Brembo Super Ski per la gestione del comprensorio Carona-Carisole. Canone minimo d’affitto di 70mila euro (con durata fino all’11 aprile 2021) con offerta irrevocabile d’acquisto ad almeno 1 milione e 400mila euro per gli impianti di risalita ed innevamento, i generatori di neve, le aree edificabili in località Paese a Carona, le aree agricole di interesse pubblico e gli edifici asserviti agli impianti di risalita.

Le offerte dovranno essere presentate entro mercoledì 11 novembre, con procedura per l’assegnazione dell’affitto il giorno seguente. Seggiovie della Val Carisole che dovrebbero essere gestite dalla Sviluppo Monte Poieto di Stefano Dentella, che nei giorni scorsi ha ufficializzato una proposta d’acquisto per un milione e 400 mila euro dei beni (200mila euro di cauzione, di cui 60 mila per effettuare i lavori di manutenzione necessari a seguito dei danni causati dal maltempo di inizio ottobre), compresi gli impianti di risalita Valgussera, Conca Nevosa e Alpe Soliva.

“Se la gestione del comprensorio verrà affidata a noi, inizieremo subito con gli interventi di manutenzione degli impianti – spiega Ezio Berera, responsabile marketing e comunicazione della Sviluppo Monte Poieto -. Da parte nostra c’è un’apertura totale al comprensorio unico. Le stazioni divise servono a poco, dobbiamo però essere in grado di fornire un’ampia e variegata possibilità di scelta, per chi vuole sciare solo a Carona, solo a Foppolo o in entrambe le località”.

L’obiettivo, per la Monte Poieto, è quello di aprire la stagione in Val Carisole sabato 28 novembre, in concomitanza con Valtorta: “Sempre che la situazione sanitaria non si aggravi ancora”, sottolinea Berera.

“Abbiamo pubblicato il bando in uno stato di totale incertezza – conclude Gloria Carletti, sindaco di Foppolo -. L’apertura degli impianti è ossigeno anche per le nostre strutture ricettive. Speriamo che i gestori possano arrivare ad un accordo con il quale proporre un biglietto unico sia per Carona che per Foppolo”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Impianti sci
Il comprensorio
Foppolo e Carona: la proposta della “Monte Poieto” per acquistare gli impianti
Comune Foppolo
Il comune indebitato
Da Torino a Foppolo, insediato il commissario straordinario: “Punto zero per ripartire”
seggiovie Foppolo
Foppolo carona
Sorpresa: ritirata la proposta di gestione degli impianti in Val Carisole
carona sci
Altro colpo di scena
Dietrofront Monte Poieto, ancora in corsa per gli impianti in Val Carisole
arrestati i sindaci di valleve e foppolo
Al via il processo
Foppolo, fallimento Brembo Super Sky: Berera e Cattaneo chiedono di patteggiare
Seggiovia Carisole-Conca Nevosa
Val brembo
Val Carisole, impianti affidati alla Monte Poieto
Generico novembre 2020
Il commento
“Riapertura impianti sci? Non necessaria, in montagna si va anche per altro”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI