Italia, 29 province hanno Rt superiore a 1,5: in Lombardia tutte, tranne Bergamo - BergamoNews
I dati

Italia, 29 province hanno Rt superiore a 1,5: in Lombardia tutte, tranne Bergamo

Si tratta di zone da scenario 4, quello per cui è previsto il lockdown

Siamo nella seconda ondata: la mappa dell’Italia è costellata, ormai, di possibili zone rosse. Sono le famose province con scenario 4, quello che – secondo il comitato tecnico-scientifico – potrebbe decretare il lockdown. L’indice di trasmissione del virus, che già prevede una soglia di rischio se supera il valore di 1, in molte zone è ben superiore al valore di 1,5 ovvero quello indicato come critico per la diffusione della pandemia in Italia.

La situazione è drammatica anche (soprattutto) in Lombardia, la regione che ad oggi – lunedì 2 novembre – presenta il quadro peggiore: l’indice Rt a livello regionale è di 2,01 con tutte le province sopra al valore di 1,5, tranne quella di Bergamo.

A Bergamo, infatti, la situazione è allarmante ma, comunque, ancora sotto controllo: l’indice Rt da noi oscilla tra l’1,25 e l’1,5.

leggi anche
  • In via lunga
    Riapre l’ospedale alla Fiera di Bergamo: oggi i primi quattro pazienti
    ospedale in fiera
  • Fisco facile
    Il decreto ristori e il contributo a fondo perduto: per chi e come riceverlo
    Decreto ristori
  • Segretario nazionale fim
    Covid, Uliano: “Il paradosso? Abbiamo reso più sicure le fabbriche degli ospedali”
    Ferdinando Uliano
  • I dati
    Covid, in Lombardia 8.607 casi e 54 morti: a Bergamo 190 nuovi positivi
    dati 1 novembre
  • Comune di bergamo
    Conferimento delle civiche benemerenze, segnalazioni entro il 18 novembre
    Benemerenze 2018
  • Dopo l'incontro sindaci-regione
    Gori: “Bergamo meno colpita, ma anche qui rischiamo una moltiplicazione dei contagi”
    Gori
  • Sabato notte
    Autocarro in contromano in A4 a 100 km all’ora nella notte: il Prefetto decide la contravvenzione
    Polizia Stradale
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it