Pietre contro la polizia alla manifestazione non autorizzata: 26enne condannato a 4 mesi - BergamoNews
Il bilancio

Pietre contro la polizia alla manifestazione non autorizzata: 26enne condannato a 4 mesi fotogallery

Denunciato inoltre un 17enne per porto abusivo di arma da taglio e identificate altre 20 persone

Avrebbe lanciato pietre contro gli agenti schierati per garantire l’ordine pubblico alla manifestazione non autorizzata di giovedì sera a Bergamo. Per questo motivo un 26enne italiano di origine marocchina residente in città è stato arrestato e al termine dell’udienza per direttissima di venerdì il giudice del tribunale di Bergamo ha convalidato l’arresto, condannandolo a 4 mesi con pena sospesa.

È iniziato tutto intorno alle 20 nella zona della stazione. Lì una cinquantina di persone, dopo un tam-tam partito sui Social, si erano date appuntamento senza aver chiesto alcun permesso alle autorità competenti.

La Questura aveva saputo dell’iniziativa e si era mobilitata schierando una cinquantina di agenti, con il supporto della Polizia Locale.

Dopo un primo momento di silenzio, i manifestanti, nella zona di piazzale degli Alpini, hanno intonato cori contro il Governo e le stesso forze dell’ordine. Nessuno slogan preciso e nemmeno striscioni. Niente di organizzato, quindi.

Quando la situazione sembrava sotto controllo, intorno alle 21, le persone scese in piazza hanno deciso di schierarsi su viale Papa Giovanni e di bloccare il traffico. A quel punto sono iniziati gli attimi di tensione: alcuni manifestanti hanno fatto scoppiare due bombe carta e qualche petardo, mentre la polizia ha chiuso la strada indirizzando le auto provenienti da via Maj su via Paleocapa.

Alcuni dei presenti hanno lanciato sassi contro gli agenti. Tra loro il 26enne, che anche grazie alle immagini delle telecamere della Digos, è stato individuato e arrestato anche per il blocco stradale e l’interruzione di pubblico servizio dei bus. Non apparterrebbe a gruppi politici.

Così come il 17enne italiano che nel corso della stessa serata è stato denunciato per manifestazione non autorizzata, porto abusivo di arma da taglio (un coltello), blocco stradale e interruzione di pubblico servizio bus.

Sono state poi identificate altre venti persone, la cui posizione è ora oggetto di approfondimento investigativo al fine di denunciarli per blocco stradale, interruzione di pubblico servizio e manifestazione non autorizzata.

Più informazioni
leggi anche
  • A bergamo
    Strada bloccata e bombe carta: tensione alla manifestazione non autorizzata
    Manifestazione non autorizzata
  • Bergamo
    Nuove proteste: manifestanti bloccano il centro e chiedono aiuto al sindaco
    commercianti in porta nuova
  • Sabato 31 ottobre
    Gallone (Forza Italia): “In piazza per le categorie escluse dai risarcimenti”
    Alessandra Gallone
  • L'intervento
    Ribolla (Lega): “Sul Decreto Ristori si naviga a vista”
    ribolla camera
  • Polizia
    Bergamo, aggredisce un invalido per rapinarlo: arrestato 25enne
    Polizia
  • Da savona
    Sosteneva l’esame della patente al posto di altri: indagini a Bergamo, un arresto
    Generico novembre 2020
  • Questura
    Per la Digos vendeva droga ai tifosi atalantini: arrestato 32enne
    Generico novembre 2020
  • Bergamo
    Manifestazione non autorizzata in piazzale Alpini: un arresto e 24 denunciati
    polizia arresto notte
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it